CHIUDI
CHIUDI

25.06.2019

Staffetta dell’amicizia: missione Rocca Pietore

Quest’anno camminano e corrono attraversando i 10 comuni del Veneto appartenenti al club «I borghi più belli d’Italia», gli instancabili atleti del Gruppo podistico di Gargagnago (Gpg) impegnati nella quinta edizione della «Staffetta dell’amicizia» dal domani al 30 giugno. Ogni due anni il gruppo della frazione di Sant’Ambrogio di Valpolicella si cimenta in un itinerario alla scoperta di nuovi percorsi, organizza momenti di incontro e socializzazione lungo il cammino, unisce una buona causa e un obiettivo solidale alla voglia di praticare sport. L’edizione 2019 della staffetta veronese rimane dunque in Veneto e, partendo domani alle 16 da San Giorgio di Valpolicella, toccherà uno a uno i borghi di Borghetto sul Mincio (Verona), Montagnana e Arquà Petrarca (Padova), Portobuffolè, Follina, Cison di Valmarino e Asolo (Treviso), Rocca Pietore e Mel (Belluno) per un totale di 610 chilometri. Proprio a Rocca Pietore, dove lo scorso ottobre un uragano ha distrutto ettari di bosco e provocato danni ingenti, i podisti del Gpg consegneranno venerdì un contributo in denaro raccolto in un’edizione speciale del trail «Scavalcapastel» e della lotteria dell’amicizia. «Saremo in una cin quantina, tra podisti e accompagnatori ciclisti, a realizzare una corsa no stop fra le 10 località inserite nei borghi più belli del Veneto, partendo da quello che abbiamo nel nostro comune», spiega il presidente del Gpg, Riccardo Rodeghero. «Non volevamo farci sfuggire l’occasione di andare a visitare tutti gli altri e così, grazie all’assessore Evita Zanotti, li abbiamo contattati. Ora ci aspettano!». Proprio l’assessore e neo vice sindaco non chiedeva di meglio per promuovere il borgo di San Giorgio e il club a cui ha aderito da qualche anno, che si trasforma in un volano anche della solidarietà con questa iniziativa. «A Rocca Pietore è prevista una cerimonia con tutti e 10 i sindaci dei comuni coinvolti dalla staffetta e altre autorità», spiega Zanotti, «in modo da far capire la nostra vicinanza agli amministratori e alla gente che si sono trovati a dover fare i conti con i danni provocati dal maltempo». L’arrivo è previsto ad Asolo domenica, nell’ultimo giorno del Palio di Asolo e dei 100 Orizzonti, la storica competizione tra comuni dei colli asolani. L’entusiasmo degli atleti impegnati giorno e notte nella «Staffetta dell’Amicizia» è accompagnato da un’organizzazione studiata nei minimi dettagli, che nel corso del tempo ha saputo creare legami e collaborazioni. La prima corsa di 600 chilometri è stata a Gundelsheim, paese della Baviera gemellato con Gargagnago, la seconda ha avuto come traguardo dopo 900 chilometri Oppenheim, in Renania, gemellato con il Comune di Sant’Ambrogio. Nel 2015 la staffetta si è svolta in Italia, verso Assisi, per un totale di 500 chilometri, toccando i luoghi del terremoto in Emilia. Nel 2017, infine, l’Italia è stata percorsa per 1.100 chilometri fino a Giovinazzo, in provincia di Bari, coinvolgendo nel percorso i paesi terremotati del Centro Italia. •

C.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1