CHIUDI
CHIUDI

19.11.2019

«Sicurezza dei pedoni Quando una decisione?»

Botta e risposta in consiglio comunale sulla sicurezza stradale a Sant’Ambrogio di Valpolicella, ma anche sui parcheggi per disabili e su Dante. A sollevare questi temi, i consiglieri Alberto Marconi, Davide Padovani, Romina Grigoli del gruppo d’opposizione Sant’Ambrogio Riparte, con capogruppo Vincenzo Corona. «In piazza Vittorio Emanuele II» ha detto Padovani «ci sono 117 posti auto di cui due riservati a disabili. La normativa ne prevederebbe tre. Chiediamo un rapido intervento». Immediata la risposta del sindaco Roberto Zorzi: «Valuteremo con la situazione con la Polizia locale, ma credo che sarà possibile aggiungere un terzo posto per i disabili». Corona, nel presentare quattro interrogazioni ha evidenziato che «nel 2021 sarà celebrato l’anniversario dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri che Verona, e in particolare Gargagnago, ospitò, tant’è che nella stessa frazione vivono i suoi discendenti». Il sindaco: «Stiamo già lavorando su questo progetto e comunicheremo il programma a suo tempo, visto che le tematiche sono molteplici». All’insoddisfazione del gruppo «Sant’Ambrogio Riparte» per la risposta ricevuta ad un’interrogazione su viabilità e sicurezza stradale nel capoluogo, la maggioranza ha preferito rispondere per iscritto. Il tema era stato sollevato da Grigoli in merito all’edificazione che si sta realizzando tra via 4 novembre, via Pozzo e la lottizzazione I Cimieri. «Questi lavori non tengono conto della sicurezza dei pedoni, tant’è che il marciapiede della lottizzazione termina all’inizio dell'area in costruzione». Secondo la consigliera «è grave che la completa ricostruzione degli immobili non abbia tenuto presente la necessità di migliorare la sicurezza per i pedoni». Marconi ha rincarato la dose: «Volevamo capire se l’amministrazione avesse cercato di interloquire con la proprietà onde evitare l’esito attuale, una ricostruzione raso strada che determina la perdita della possibilità di un miglioramento della mobilità pedonale su via 4 novembre. Dalla risposta scritta dell’amministrazione, questo non si capisce. Chiediamo di nuovo se l’amministrazione sia venuta a conoscenza dell’intenzione di costruire in quella zona, se abbia avuto incontri con la proprietà o con i progettisti, mandato lettere per scongiurare quanto sta accadendo».

M.U.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1