CHIUDI
CHIUDI

07.07.2019

Odori molesti, individuati gli allevamenti

Un allevamento di tacchini
Un allevamento di tacchini

Avviato a soluzione in tempi rapidi, con la collaborazione dei due comuni di Bussolengo e Pescantina e del settore Veterinario dell’Ulss 9 Scaligera, il problema degli odori nauseabondi che ad ondate si riversavano in paese. Si è appurato che provenivano da un allevamento di tacchini, dove un’emergenza ha avuto per effetto la diffusione della puzza, per più giorni, nell’area del paese di Pescantina lungo l’Adige. «Siamo intervenuti subito», spiega il sindaco di Bussolengo, Roberto Brizzi che ha operato col sindaco di Pescantina, Davide Quarella, «e ci siamo messi in contatto con il settore Veterinario dell’Ulss 9 diretto dal dottor Stefano Adami. Il problema da cui sono nati gli odori è stato il caldo anomalo dei giorni scorsi, che ha determinato una moria di tacchini. Questo fenomeno, che la filiera produttiva riesce a gestire in tempi normali, è diventato molto pesante in questi giorni perché anche in tutta la provincia si è verificata una situazione analoga e in molti casi anche più pesante. Purtroppo i centri di smaltimento non riescono in questi casi a gestire tutte le carcasse in tempi consoni». Aggiunge il vicesindaco Giovanni Amantia, che ha seguito in prima persona tutto l’iter: «La misura che abbiamo adottato, di concerto con l’Ulss 9, è stata quella del compostaggio che prevede di procedere con uno strato di paglia, uno di calce e uno di carcasse di tacchini per accelerare il processo naturale di decomposizione senza generare odori. In questo caso dovremmo aver risolto l’emergenza. Un grazie particolare al dottor Adami e al dottor Paolo Dolci, che hanno coordinato in prima persona le operazioni necessarie alla soluzione del problema». «Su questo problema», interviene a sua volta il sindaco di Pescantina, Davide Quarella, «ci siamo attivati fin dalla prima segnalazione arrivata il 27 giugno, in collaborazione con il sindaco di Bussolengo, per accelerare la soluzione del problema. La collaborazione fra amministrazioni comunali è utile; la stessa cosa sta succedendo con Sant’Ambrogio per la persistenza di odori rilevati in questo caso nel territorio di Ospedaletto. Con Bussolengo siamo arrivati a una definizione, per Sant’Ambrogio aspettiamo dall’amministrazione comunale le rilevazioni e le informazioni sul caso. La situazione degli odori nauseabondi a Pescantina è stata segnalata da cittadini sui social e fin da subito, con l’assessore Angela Fioretta, abbiamo lavorato per la conclusione positiva del problema». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lino Cattabianchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1