CHIUDI
CHIUDI

14.10.2019

La Scuola del marmo a pieno ritmo

Beatrice Mariotto, direttrice della Scuola d’arte Paolo Brenzoni
Beatrice Mariotto, direttrice della Scuola d’arte Paolo Brenzoni

Sono stati inaugurati, sabato, i corsi di disegno, pittura e modellazione plastica della scuola d’arte Paolo Brenzoni, mentre i corsi di scultura inizieranno sabato 2 novembre. Le lezioni, della durata di circa tre ore - il sabato mattina o pomeriggio - si tengono nel padiglione dell’ex quartiere fieristico e nella sede di San Giorgio di Valpolicella. «Tanti allievi si sono già iscritti», commenta la direttrice della scuola Beatrice Mariotto, «merito soprattutto dell’offerta proposta dalla scuola e dai nostri docenti. Iva Recchia terrà un corso di disegno, dove quest’anno verranno indagate le opere di pittori quali Picasso, Van Gogh, Matisse, Giacometti, Schiele, Modigliani, Degas. Verranno inoltre affrontate alcune correnti del ‘900: Surrealismo, Futurismo, Cubismo, Astrattismo, Espressionismo». Sempre Iva Recchia, nel corso di pittura, seguirà ogni iscritto, a livello tecnico e contenutistico, in base al proprio campo di ricerca. Non mancheranno spiegazioni teoriche di gruppo in base alle richieste specifiche degli allievi, che saranno invitati a ragionare sulla tecnica pittorica dei grandi maestri. «Artur Sulce, docente del corso di modellato, porterà un respiro internazionale alla nostra scuola», riprende Mariotto. «Le lezioni del corso di modellato saranno pratiche e teoriche, verrà esaminato l’utilizzo dei materiali plastici nell’arte classica e contemporanea, con l’introduzione di nuovi materiali. Infine, il corso di scultura della pietra, con Matteo Cavaioni, dove accanto alla trasposizione in marmo di modelli eseguiti dall’allievo, verrà studiata una parte anatomica del corpo umano attraverso disegno e modelli in gesso, incentivando l’allievo a illustrare il proprio lavoro anche a livello teorico». La scuola proporrà inoltre visite a studi artistici, fonderie, cave della zona e di altri siti (Lasa – Bolzano, Carrara…). «Proseguono inoltre le attività collaterali», sottolinea la direttrice, «e le tante collaborazioni che abbiamo con associazioni e imprese del marmo, attraverso le quali la scuola veicola le proprie idee in spazi diversi, dando all’arte una veste non solo fine a se stessa ma funzionale al mondo produttivo». Va ricordata inoltre la recente collocazione di sculture all’interno dello stand della Marmi Colombare e del modello dell’opera «La porta» nel padiglione di Verona Stone District durante Marmomacc 2019. «Ci prepareremo inoltre alle celebrazioni, nel 2021, dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, per ricordare e rendere vivo artisticamente il sommo poeta, coinvolgendo non solo allievi e docenti ma anche le imprese del settore del marmo, enti e cittadini ambrosiani attraverso conferenze e dibattiti che terremo in sala Zanotto, Villa Brenzoni-Bassani», conclude la direttrice Mariotto. Per informazioni sulla Scuola d’Arte: Beatrice Mariotto 045. 6832651; oppure consultare il sito www.scuoladartebrenzoni.it. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mirco Franceschetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1