CHIUDI
CHIUDI

24.02.2020

La combriccola della Valbusa regala un Carnealon da record

I  Butei de Domeiara in sfilata con il loro Italian Circus  FOTO PECORA
I Butei de Domeiara in sfilata con il loro Italian Circus FOTO PECORA

Il brivido di ieri mattinata s’è trasformato in un ciclone d’entusiasmo che solo il Gran Carnealon de Domeiara sa regalare. Il Prefetto di Verona aveva convocato, a seguito delle misure straordinarie emesse dal Governo per contenere l’epidemia di coronavirus, tutti i sindaci. Tra questi l’ ambrosiano Roberto Zorzi che, solo alle 11.50, è tornato confermando al presidente del comitato benefico Sergio Quintarelli, detto il Baronetto, il verdetto favorevole alla manifestazione: il Gran Carnealon è stato confermato. Una delle più attese sfilate della provincia, quella appunto della Valbusa com’è chiamata la Domegliara Carnevalesca, ha preso il via dal quartiere Poli. Graffiante la satira della 73esima edizione, baciata da un sole primaverile. E così ecco che in Valbusa sono arrivati in migliaia ad omaggiare una sfilata composta da oltre mille figuranti in rappresentanza di 88 tra gruppi e carri allegorici sotto l’occhio vigile di carabinieri, polizia locale, Croce rossa, carabinieri in congedo, alla presenza del sindaco di Sant’Ambrogio Roberto Zorzi. Il corteo è stato aperto dalla samba del gruppo veronese - brasiliano La Forteza, seguito dai regnanti della Valbusa, il Duca e la Duchessa della Valbusa, il Marchese Marco Arcali al suo quarantesimo anno di Carnevale, il 490esimo Papà del Gnoco, maschere di Verona e provincia, le majorettes Le Perle di Cavaion, i Majorotti di San Massimo, le Bici pazze e d’Altri Tempi. Largo poi ai 18 mastodontici carri. I Bdd-Butei de Domeiara con «Italian Circus… Nani e Ballerine, Gatti e Sardine» hanno rappresentato burlescamente politici e politicanti, portando in sfilata anche splendide caricature di chi ha contribuito a rendere grande il Carnealon. Al circo s’è ispirato anche il Carneval de Castelnuovo col carro «La vita è un circo e noi siamo i pagliacci». Da Ca’ degli Oppi sono arrivati i «The Queen» della Brigata Matta, omaggio a Freddie Mercury; la Manega de Matti di Cerna con i 4 gatti di Cavaion hanno invitato, attraverso il proprio carro, a banchettare nella «Trattoria Italia, qui tutti i magna». I Butei dell’Alpo hanno spiegato: «Cuccioli si nasce, Leoni si diventa», ispirandosi alla saga Disney del Re Leone. Altre ispirazioni sono state regalate dal carro del Gruppo Sasso di Rosegaferro con il suo «Mondo che vedo … Mondo che vorrei» nel segno della felicità; i Sonartisti di Sona erano sublimi con «Al cuor non se comanda…» e da Fane sono giunti i «Pochi ma boni». La Combricola Baraonda di Isolalta - Belvedere ha proposto «Dalle pagine ai display … sognatori senza schei», una coreorgafia che si riferisce al passaggio dalla lettura dei libri a quella sui social network. Il circolo Noi Giustiniano di Palazzolo con «Noi… dal binario 9 e 3/4» s’è ispirato invece alla saga del maghetto più amato di tutti i tempi, Harry Potter. Il Centro Famiglie Insieme di San Zeno di Mozzecane è arrivato col carro gli «Ala...dinari». Da Pozzomoretto sono giunti «Il Conte Dracula», in realtà una caricatura gigante del premier Giuseppe Conte, con i polli da spennare, chiaro riferimento al popolo italiano. A firmare la satira politica, il Gruppo Cappello. La Compagnia dell’Onda di Oppeano ha inviato un messaggio inequivocabile: «L’ossessione della perfezione». «Il cerchio della Vita», invece, è stato il tema del gruppo Jolly Joker di Perzacco; dalla splendida Valdadige sono giunti gli scatenati Butei e da Locara di San Bonifacio ecco fare capolino l’Oriente e il Dragone; da Volta Mantovana il locale gruppo con il carro «Allin, vite in gioco». Gran finale in piazza Unità d’Italia: la Protezione civile ha sfornato per tutti oltre due quintali di pasta al pomodoro. Lo speaker regale, Gianluigi Fasoli, ha quindi dato appuntamento a tutti al 14 febbraio 2021, con la 74esima edizione del Gran Carnealon de Domeiara. •

Massimo Ugolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie