CHIUDI
CHIUDI

24.08.2019

Il paese perde Zanoni maestro del marmo

Giovedì scorso è mancato Francesco Zanoni, storica figura del settore lapideo ambrosiano. Nato a Sant’Ambrogio di Valpolicella il 25 marzo 1926, orfano di padre ad otto anni, la sua casa venne bombardata per errore il 6 novembre 1944 assieme ad altre abitazioni durante la Seconda Guerra Mondiale. Alla fine degli anni ‘40 entrò alla scuola d’arte «Paolo Brenzoni»: dal maestro Mario Salazzari imparò a modellare la creta ed a lavorare il gesso per creare modelli da scolpire. Zanoni, scalpellino nella locale cooperativa Piatti con cui contribuì alla costruzione della chiesa della Madonna Pellegrina di Porta Nuova a Verona, quindi nella ditta Alberti con cui partecipò al restauro del Ponte Pietra, negli anni ‘70 fondò a Domegliara una propria attività per la lavorazione del marmo. «Francesco Zanoni» rammenta Beatrice Mariotto, direttore della scuola d’arte Brenzoni, «è stato docente di geometria e scultura nel centro di formazione professionale del marmo e maestro di scultura della pietra nella nostra scuola, trasferendo l’amore artistico ai suoi allievi, che lo ricordano con affetto». A Sant’Ambrogio, Zanoni scolpì con i propri studenti l’edicola presente nel cortile della scuola materna. «Nel 2009», conclude il sindaco Roberto Zorzi, «l’amministrazione comunale conferì a Zanoni la medaglia d’oro per aver speso gran parte della propria attività lavorativa nel comparto lapideo, tramandando il proprio sapere artistico». I funerali dello scultore saranno celebrati lunedì 26 agosto, alle 10, nella chiesa parrocchiale di Sant’Ambrogio. •

M.U.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1