CHIUDI
CHIUDI

11.07.2020 Tags: Sant'Ambrogio di Valpolicella

Riprende la scuola d’arte Entusiasmo e commozione

Significativo passo verso la normalità, per il Comune di Sant’Ambrogio. La scuola d’arte Paolo Brenzoni ha riaperto i battenti dopo la chiusura obbligata a causa dell’emergenza sanitaria. «È stato amareggiante, lo scorso 29 febbraio, bloccare le attività per l’emergenza Covid-19», racconta la direttrice Beatrice Mariotto, «così come disdire appuntamenti, come la serata con la storica dell’arte Sabrina Baldanza per celebrare il settimo centenario della morte di Dante». Ciò nonostante direttrice, docenti ed allievi non si sono persi d’animo, visitando virtualmente la pinacoteca di Brera, i Musei Vaticani, il Prado di Madrid, il British Museum di Londra, la mostra di Raffaello a Roma. Non solo. La pittrice Iva Recchia, docente di pittura e disegno, ha fornito consigli preziosi agli allievi su lavori e tele dipinti durante il blocco. Commozione generale per la scomparsa dell’architetto Libero Cecchini «che non abbiamo potuto accompagnare nel suo ultimo viaggio», rammenta Mariotto, «ci siamo sostenuti nei momenti critici, quando la paura e l’angoscia prendevano il sopravvento». Grande l’entusiasmo nel rivedersi sabato scorso: docenti ed allievi hanno ripreso i corsi di pittura nella sede di San Giorgio, nel rispetto dei protocolli di sicurezza, alla presenza del sindaco Roberto Zorzi che ha portato il saluto dell’amministrazione, nella bellissima sede. Le lezioni nel laboratorio situato nel quartiere fieristico saranno recuperate in autunno. «Questo non è un periodo facile per gli artisti», riprende la direttrice, «che trovavano spazi per esporre sia in Italia che all’estero e hanno sofferto anche i negozi di colori, creta e tele». Il sindaco Zorzi ha evidenziato il fondamentale ruolo culturale ed artistico della scuola. «Con gli allievi del corso di scultura e il loro docente, Matteo Cavaioni, prima del lockdown, siamo riusciti a restaurare 15 statue, collocate al parco comunale di prossima inaugurazione». Il primo cittadino ha ringraziato i docenti Iva Recchia, Artur Sulce, Matteo Cavaioni, la direttrice Mariotto e gli allievi. •

M.U.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie