CHIUDI
CHIUDI

05.07.2020

In moto contro
il cancello, ancora
ignote le cause

Gianfranco Pernigo morto nello schianto in moto
Gianfranco Pernigo morto nello schianto in moto

Rimane indecifrabile la causa della morte di Gianfranco Pernigo, 67 anni, l’ex marmista di Volargne che giovedì a mezzanotte si è schiantato contro un cancello mentre in sella alla propria moto andava a casa, reduce da una serata trascorsa con amici ad Affi.

 

Era in corso una bufera e per questo il pensionato aveva salutato la compagnia per cercare di rincasare in sicurezza. Ma a un paio di chilometri dalla propria abitazione, nella zona industriale di Volargne, in via Del Marmo, all’altezza della ditta Santa Margherita, è avvenuto il tragico incidente sul quale è stato aperto un fascicolo, mentre il cancello è stato posto sotto sequestro.

 

I carabinieri della compagnia di Caprino proseguono le indagine per far luce su quanto accaduto, in assenza di testimoni. Pernigo, con la moto, è andato a sbattere contro il cancello di una ditta di marmi ma c’è da chiarire se questo si sia spalancato all’improvviso durante il transito dello scooter per colpa del forte vento, oppure se il motociclista con la passione del ciclismo non abbia visto l’ostacolo per colpa della pioggia battente che limitava la visuale dal casco. Il cancello lambisce la strada e si apre verso l’esterno, anzichè il contrario.

 

«L’unico punto certo è che il vento era fortissimo», conferma Angelo Zanesi, il vicesindaco di Dolcè che a Volargne abita. «Le raffiche erano molto potenti e formavano mulinelli, nei quali insieme alla pioggia volava di tutto». Sul luogo dove ha perso la vita Pernigo, oltre ai soccorsi e ai carabinieri, sono intervenuti i volontari della Protezione civile di Dolcè che sono rimasti lì dall’una di notte alle 4 e mezzo mentre il temporale è andato via via scemando. Non ha risparmiato tutta la zona del lago e dell’entroterra, colpendo anche Rivoli e Cavaion, dove per la furia del vento è andata in frantumi una vetrata di un laboratorio di gelati. Pernigo lascia di sè il ricordo di una persona speciale, goliardica e sempre disponibile. Era una colonna della società Pedale scaligero.

Camilla Madinelli
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie