CHIUDI
CHIUDI

21.12.2019

Pfas a Pescantina
Chiesta la chiusura
di altri due pozzi

Ca' Filissine
Ca' Filissine

Il sindaco di Pescantina Davide Quarella vuole chiudere tre dei quattro pozzi dell’acquedotto comunale. Dopo che Acque Veronesi ha annunciato la prossima chiusura dell’impianto di Balconi (il più vicino alla discarica di Ca’ Filissine) perché preleva dalla falda acqua che presenta tracce di Pfas, il primo cittadino chiede che si raggiunga la sicurezza che la rete pubblica non contiene inquinanti.

«Premesso che a Pescantina l’acqua che arriva nelle case è potabile, perché contiene quantità di Pfas molto al di sotto dei pur ristretti limiti imposti dalla Regione, resta il fatto che è necessario eliminare ogni contaminazione», afferma Quarella.

 

Nell’ assemblea organizzata dall’amministrazione per parlare di questo problema, Silvio Peroni e Massimo Carmagnani, rispettivamente direttore e tecnico di Acque Veronesi, hanno spiegato che la chiusura del pozzo di Balconi sarà realizzata nel 2020: la società spenderà inoltre 200mila euro per realizzare una connessione con la rete di Bussolengo. Per la dismissione dell’impianto di Cason e la riduzione, o eliminazione, dell’utilizzo di quello di Pavoncelli non è stata invece fornita alcuna data.  

 

L'approfondimento sul giornale in edicola

 

Luca Fiorin
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie