CHIUDI
CHIUDI

01.04.2019

Pescantina affronta il caso-ospedale

L’ospedale Orlandi di Bussolengo
L’ospedale Orlandi di Bussolengo

Iniziativa congiunta dei Comuni di Pescantina e Bussolengo per l’ospedale Orlandi: domani alle 20.30 al teatro comunale Guido Bianchi di piazza degli Alpini a Pescantina, si terrà una serata informativa sul tema «L’ospedale Orlandi di Bussolengo. Presente e futuro della sanità pubblica». Interverranno i sindaci di Pescantina e Bussolengo, Luigi Cadura e Roberto Brizzi; Rosanna Lavarini, assessore alle politiche sociali; Graziella Manzato, sindaco di Sommacampagna e presidente del Comitato dei sindaci del Distretto 4; Gianluigi Albertini del comitato Uniti per l’Orlandi; Sonia Todesco, segretaria generale della funzione pubblica Cgil Veneto. Gianluigi Albertini, del Comitato Uniti per l’Orlandi, spiega: «Le linee già percorse dal Comitato, dalla fondazione in poi, sono sempre andate nella direzione di una diffusione dell’informazione sull’ospedale in primo luogo, della sanità pubblica in generale e anche di una concreta collaborazione con la Istituzioni e le amministrazioni pubbliche. In questo momento, con la proposta uscita dalle nuove schede regionali, ci troviamo a fare i conti con le ulteriori diminuzioni dei servizi erogati dal nosocomio bussolenghese. Comunque il Comitato tra i motivi principali del suo impegno ha quello di creare reti tra cittadini e amministrazioni e quindi l’appuntamento di Pescantina si colloca in questo ambito». «Per la prima volta», commenta il sindaco Cadura, «al teatro Guido Bianchi, Pescantina ospita un’assemblea su ospedale e sanità pubblica. È evidente l’interesse della popolazione per un servizio ospedaliero vicino e storico come quello di Bussolengo. Sono convinto che se il territorio farà in modo coordinato delle proposte sull’Orlandi, la Regione Veneto dovrà dargli ascolto». Conclude il sindaco di Bussolengo, Roberto Brizzi: «Questa è una proposta emersa dai lavori del Tavolo per l’Orlandi. Proseguiremo col coinvolgimento del territorio che è l’unica strategia possibile per salvare un presidio pubblico che serve un territorio così ampio». •

Lino Cattabianchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1