CHIUDI
CHIUDI

15.01.2020

Pasti in mensa, si paga on line «Più qualità e più controlli»

Bambini alla mensa scolastica
Bambini alla mensa scolastica

Mense scolastiche: si paga online. È questo il nuovo sistema introdotto per il 2020 e che prevede un nuovo conto elettronico unico, per scuola d’infanzia ed elementare. Per ogni famiglia è stato individuato un titolare a cui è stato associato un unico conto elettronico, anche nel caso in cui più figli usufruiscano del servizio mensa. Su questo conto verranno addebitati i pasti. Per chi avesse già attivo un conto per i pasti alle elementari, verrà verificato il saldo da parte del Comune e, in caso fosse a credito, l’importo verrà riportato entro la fine di gennaio sul nuovo conto di Euroristorazione, la ditta che si è aggiudicata l’appalto delle mense per il prossimo triennio. Eventuali debiti saranno riscossi dal Comune e il nuovo conto partirà da zero. «Inoltre», spiega l’assessore all’Istruzione Loretta Sorio, «è fondamentale che i genitori comunichino l’assenza del figlio dalla mensa: verrà introdotta, infatti, la disdetta pasti, già in atto da diversi anni per la scuola primaria, anche nella scuola d’infanzia». I pagamenti dovranno essere effettuati con carta di credito o bonifico MyBank, accedendo al sito web https://pescantina.ecivis.it/ECivisWEB. Rimane anche la possibilità del pagamento in contanti, o col bancomat, alla cartoleria «La Pergamena», nella galleria del centro commerciale San Lorenzo, aperta dal lunedì al sabato dalle 08.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30, con la tessera sanitaria e codice fiscale dell’intestatario del conto. All’assemblea per informare i genitori delle nuove modalità, l’assessore Sorio ha puntualizzato: «In accordo con i responsabili dell’Ulss 9 e con Euroristorazione, cercherò di apportare delle modifiche significative ai menù per dare la possibilità ai bambini di gustare e apprezzare alcuni cibi, come le verdure, che notoriamente sono poco accettati. Inoltre, ho voluto modificare il contratto dell’appalto limitandolo a tre anni, per avere maggiori garanzie dalla ditta aggiudicatrice. A seguito di un ribasso in sede di gara, la tariffa base si è ridotta da 4,40 a 4,28 a pasto comportando per le famiglie un risparmio medio di circa 10 euro in un anno; risparmio esiguo ma significativo». Continua l’assessore: «Dopo diverse verifiche e sopralluoghi, abbiamo constatato che in alcune scuole c’è la necessità di migliorare gli ambienti della mensa e quindi si troveranno, in collaborazione con le dirigenti scolastiche, delle nuove soluzioni». Infine, le verifiche dei rappresentanti dei genitori sui pasti saranno costantemente monitorate e i pasti avanzati saranno distribuiti, come avviene da qualche anno, all’associazione San Vincenzo che provvede a recapitarli a famiglie o persone in difficoltà. «L’alimentazione per la crescita dei bambini riveste una notevole importanza», ha concluso l’assessore Sorio, «e c’è la necessità di dare una particolare attenzione ai menù serviti nelle mense comunali. Per questo, durante l’anno formativo, ho intenzione di proporre ai genitori degli incontri sulla corretta alimentazione». •

L.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie