CHIUDI
CHIUDI

06.04.2019

Mezzi del Comune fuori garage Pedrotti: «Ignorate le regole»

Mezzi comunali parcheggiati, dopo l’uso, di giorno e di notte, in vari punti del paese mentre, secondo il consigliere della Lega Nord, Davide Pedrotti, dovrebbero essere ricoverati al coperto. «L’articolo 7 del regolamento comunale», ribadisce l’esponente leghista, «parla chiaro: per l’uso e la gestione dei veicoli di proprietà comunale si prevede esplicitamente il rimessaggio dei mezzi negli appositi locali di ricovero durante l’intervallo, di notte e durante i giorni festivi. Ma, purtroppo, questo dettame a Pescantina non viene rispettato e ci troviamo quotidianamente mezzi comunali in vari punti del paese: Piazza degli Alpini, via Moretti, via Risorgimento, via Madonna. E questo in ogni stagione, sia sotto il sole estivo, sia durante il freddo invernale, con ovvio deterioramento di alcune parti meccaniche». Con il rischio anche di danneggiamenti, rende noto Pedrotti. «Alcuni mezzi, tra l’altro», continua, «hanno subito anche atti vandalici, come il ripetuto taglio dei pneumatici, per esempio all’auto dell’ufficio ecologia, la cui sostituzione è poi ricaduta come sempre sul cittadino, tanto paga Pantalone». Da qui la richiesta. E una proposta. Precisa Pedrotti: «Ritengo impossibile credere che chi amministra non sia a conoscenza di tale situazione, visto che quotidianamente utilizza i sopracitati spazi per parcheggiare anche i propri veicoli. Perciò ho ritenuto opportuno interpellare il sindaco per chiedere spiegazioni. Dire che mancano i locali per il ricovero mi sembra abbastanza ridicolo, in quanto per i mezzi del Comune abbiamo un magazzino in via Sacco, dei garages coperti nel parcheggio adiacente le scuole medie di Pescantina e un parcheggio interrato nella struttura Rosa Pesco». E conclude con una proposta: «Pertanto, anche con l’intento di sensibilizzare alla responsabilità civile e morale, visto che si tratta di mezzi pubblici, mi chiedo se non sarebbe corretto accollare la responsabilità dei danni subiti ai mezzi comunale a chi, con un comportamento di biasimevole incuria, non si preoccupa della loro corretta custodia, senza dimostrare quel senso di responsabilità che ogni amministratore dovrebbe assumersi dal momento che si trova a gestire il bene pubblico». Ma il sindaco Luigi Cadura risponde puntigliosamente agli addebiti: «Come il consigliere Pedrotti ben sa, secondo la legge, il datore di lavoro dei dipendenti comunali cioè colui che può impartire direttive, riprendere o sanzionare i dipendenti, non è il sindaco, bensì il responsabile dell'area. Inoltre questa amministrazione ha istituito un apposito ufficio per i provvedimenti disciplinari, cui anche il consigliere Pedrotti può segnalare comportamenti non conformi dei singoli dipendenti, se ne ha notizia. Purtroppo quanto evidenziato dal consigliere Pedrotti, chiamandomi impropriamente in causa, è motivato semplicemente dal fatto che il Comune di Pescantina non è dotato di una autorimessa dove ricoverare tutti i mezzi comunali che, comunque, non sono mai stati utilizzati da sindaco e amministratori. Durante questa amministrazione, a differenza di quanto avvenuto in passato, gli amministratori hanno sempre pagato di tasca propria le numerose trasferte istituzionali, utilizzando le proprie auto o i mezzi pubblici». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lino Cattabianchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1