CHIUDI
CHIUDI

11.04.2019

Cadura in corsa per il bis si gioca la carta del turismo

Il sindaco Luigi Cadura si ricandida
Il sindaco Luigi Cadura si ricandida

Dopo i primi incontri con la sua squadra, il sindaco uscente Luigi Cadura conferma la corsa per il secondo mandato. A sostenerlo ci sarà gran parte dell’amministrazione uscente, probabilmente raggruppata in due liste civiche. Cadura, commercialista e revisore legale con esperienza nella revisione di enti locali, ha fatto politica a Pescantina e nella Valpolicella. Mette a disposizione le proprie competenze per associazioni ambientaliste come Legambiente e A.Ve.Pro.Bi. nonché per l’associazionismo no-profit. Contrario da sempre alla sua aperura, da 35 anni combatte per la chiusura della discarica di Ca’ Filissine. Nel 2014 è stato eletto sindaco con il sostegno di Pescantina Democratica e Laboratorio per Pescantina. «Allora Pescantina usciva da un commissariamento», ricorda, «abbiamo ottenuto la fiducia dei cittadini per due questioni centrali: il risanamento dei conti, già oggetto di stretti controlli da parte della Corte dei Conti e della Ragioneria generale dello Stato per la gestione precedente, e la soluzione dell’annoso morbo della discarica. A distanza di cinque anni, il peso dei debiti è stato portato a una dimensione accettabile, anche se ancora elevata rispetto ai comuni del circondario, e sono a disposizione dell’amministrazione risorse immediatamente spendibili. Inoltre, la discarica verrà bonificata e chiusa senza scavi né ulteriore apporto di rifiuti, grazie a un sudato finanziamento del ministero dell’Ambiente». «Avevamo le casse vuote», continua il sindaco, «ma gradualmente abbiamo ripreso lavori indispensabili come la pulizia delle caditoie e la riparazione delle strade, di scuole ed edifici comunali. Passato il primo periodo, è stato possibile effettuare anche lavori più consistenti, come la sistemazione dei parchi gioco, la ristrutturazione della palestra e del ponte di Arcè, fino alla nuova isola ecologica». Per lo sviluppo urbanistico: redazione del Piano di eliminazione delle barriere architettoniche (Peba), del Piano urbano della mobilità (Pum) e del Piano degli interventi (PI). E adesso? «Il nostro interesse ora si sposterà soprattutto sulla tutela e la promozione del territorio e sulla tutela sociale. Stiamo preparando un piano di lavoro realistico, messo a punto grazie al confronto aperto con numerosi cittadini». Più in specifico: «La tutela dell’ambiente resta la nostra priorità: è necessario preservarne le meraviglie, non permettendo a dighe sull’Adige o cave di ghiaia e sabbia di intaccare le peculiarità del nostro territorio. La Valpolicella ha i numeri per diventare un’importante destinazione turistica, complementare al lago e a Verona: Pescantina, grazie anche al termalismo, può giocare un ruolo importante. Ci impegneremo a perseguire la vocazione turistica in collaborazione con gli altri Comuni della Valpolicella, partendo da quanto già fatto: dall’adesione alla Strada del Vino della Valpolicella e all’Associazione dei Comuni termali, al Marchio territoriale della Valpolicella di proprietà dei Comuni e riconosciuto dalla Regione Veneto». Per il sociale: «Potremo realizzare gli attesi centri di aggregazione per adolescenti e giovani, in centro e nelle frazioni, ancora sfornite di strutture pubbliche di questo tipo. Continueremo la messa in sicurezza degli edifici scolastici. Infine, vogliamo assicurare a ogni pescantinese che il Comune continuerà a non lasciare indietro nessuno». Conclude il candidato: «Grazie al lavoro degli ultimi cinque anni, Pescantina e i pescantinesi possono guardare al futuro con ritrovato ottimismo». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lino Cattabianchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1