CHIUDI
CHIUDI

06.11.2019

Approvate le Pari opportunità

Vittoria Borghetti
Vittoria Borghetti

Unanimità in consiglio comunale per il regolamento della Commissione consultiva delle pari opportunità tra uomo e donna, proposto da Vittoria Borghetti, ora presidente del Consiglio, con un pluriennale impegno nella commissione provinciale per le pari opportunità e di sostegno al Telefono Rosa. «Si tratta», ha spiegato Borghetti, «di diffondere la cultura delle pari opportunità in applicazione del dettato costituzionale e specialmente in relazione dell’articolo tre che prevede pari dignità sociale e uguaglianza davanti alla legge per tutti i cittadini senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali». Da questo regolamento, una volta approvato e trascorsi 90 giorni, nascerà una Commissione con compiti di studio e indirizzo. Sul tappeto gli obiettivi del contrasto alla violenza di genere e della promozione di una cultura del riconoscimento della libertà reciproca e del reciproco rispetto tra uomini e donne, per il conseguimento di una piena ed effettiva uguaglianza nei diritti. «L’eliminazione delle ineguaglianze», ha ribadito Borghetti, «passa dalla promozione della parità di genere e dal rafforzamento della figura femminile con provvedimenti e strumenti capaci di favorire il protagonismo delle donne nella nostra comunità, intervenendo in particolare a favore del sostegno e della tutela alle donne in difficoltà; dell’accrescimento della propria autostima; della valorizzazione delle proprie conoscenze, competenze ed abilità; dello sviluppo delle capacità e delle possibilità di decidere, di essere autonome, di avere voce in capitolo nella famiglia, nella società, nella politica; della possibilità di accedere e di permanere nei centri decisionali della società, della politica, dell’economia». Favorevole l’accoglienza del provvedimento in Consiglio comunale. «Nessuno poteva fare meglio», ha sottolineato la consigliera Lavarini, già assessore al sociale, che ha appoggiato l’iniziativa ricordando il cammino svolto fino a questo momento. «In questi cinque anni abbiamo rafforzato questo modo di agire attraverso varie iniziative come l’angolo antiviolenza, le serate di approfondimento, la panchina rossa, lo sportello donna. Mi auguro che queste attività continuino e sono convinta che il rispetto bisogna insegnarlo ai ragazzi». Da Emanuele Boscaini del M5S la raccomandazione di far pressione sulle autorità di polizia a non sottovalutare le denunce per violenze famigliari «che spesso si concludono tragicamente». «La Commissione opererà per la prevenzione di questi fenomeni», ha risposto Borghetti, «ma è ovvio che ogni autorità di polizia segue determinati protocolli». «Un passo importante», ha commentato Luigi Cadura, «che si aggiunge a quelli che Pescantina ha fatto con gli altri Comuni». Secondo i tempi previsti, saranno presentate le candidature per il varo della Commissione. Unanimità. •

L.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1