CHIUDI
CHIUDI

24.01.2020

Trenta ammalati di tumore trattati con il nuovo Unity

Il dottor Filippo Alongi con la sua equipe
Il dottor Filippo Alongi con la sua equipe

Sono 30 i pazienti oncologici che dallo scorso ottobre, all’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, sono stati trattati con Unity-acceleratore lineare integrato con una risonanza magnetica ad alto campo-e ne hanno avuto beneficio. «I primi risultati sono soddisfacenti, sia sui 20 pazienti affetti da tumore alla prostata sia sui 10 con metastasi nell’addome e pelvi», afferma il dottor Filippo Alongi, direttore della Radioterapia oncologica avanzata di Negrar e professore associato all’università di Brescia. Il suo reparto all’ospedale in Valpolicella si prepara ad accogliere, oggi, 80 esperti provenienti da tutta Italia per dar loro la possibilità di assistere dal vivo ad alcuni trattamenti di radioterapia ad alta precisione. In pratica, durante un Live Day potranno vedere da vicino le potenzialità di Unity, innovativo macchinario di radioterapia unico nel suo genere nel Sud Europa: consente al radioterapista oncologo di monitorare e correggere in tempo reale la posizione e le caratteristiche sia del bersaglio tumorale da colpire con alte dosi di radiazioni che dei tessuti sani circostanti da proteggere. Il piano di cura viene così personalizzato e adattato in ogni seduta. Come è stato fatto per i 30 pazienti oncologici trattati finora con Unity. «Ai primi controlli, i pazienti con tumore alla prostata hanno avuto un significativo calo dei livelli di Psa nel sangue, mentre gli altri sono in attesa di esami diagnostici», spiega Alongi. «Non si sono verificati episodi di grave tossicità e il ciclo di sedute per la prostata è durato solo cinque giorni contro alcune settimane con la radioterapia tradizionale. Ci sono i presupposti per confermare che questo sistema innovativo possa essere, in casi selezionati, un’alternativa non invasiva all’intervento chirurgico». •

C.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie