CHIUDI
CHIUDI

27.03.2019

L’App che ti guida al parcheggio fa scuola

Stalli blu per la sosta in centro a Negrar
Stalli blu per la sosta in centro a Negrar

Mettere la migliore tecnologia a servizio della sosta a pagamento e dell’annessa viabilità per trovarlo in fretta, un posto per l’auto. Con l’obiettivo di rendere Negrar un modello virtuoso e con buona pace degli automobilisti che desiderano parcheggiare proprio nelle vie del centro e nei posteggi più vicini all’ospedale Sacro Cuore Don Calabria, tutti a pagamento. Questi posti vanno pagati e i controlli su furbetti o sbadati si sono parecchio intensificati in questi mesi come segnalano alcuni commercianti della zona. Ma il nuovo sistema della sosta adottato a Negrar capoluogo, garantisce il Comune, presenta una serie di vantaggi per l’ente, gli utenti e i negraresi. Per spiegarlo al meglio l’amministrazione comunale e Abaco Spa, azienda veneta dallo scorso anno concessionaria della sosta in paese, insieme a fornitori e partner di progetto hanno organizzato per domani un seminario tecnico a cui sono attesi almeno una cinquantina di amministratori locali, funzionari comunali e agenti di polizia municipale. Il convegno, «Fare Smart Parking in Italia. Sostenibilità tecnica, economica e gestionale del modello Negrar di Valpolicella», si svolge a Certe Vason Caprini dalle 9. Prevede non solo interventi di politici e tecnici, ma anche un’uscita all’esterno per una dimostrazione concreta di come funzionino i parcometri e le applicazioni per consentire all’utente di trovare agevolmente parcheggio e pagare il ticket con il massimo della comodità. Al convegno l’assessore alla mobilità Bruno Quintarelli spiegherà le motivazioni che hanno portato l’amministrazione locale ad adottare un modello della sosta in ottica SmartCity. Seguirà il comandante della polizia locale, Maurizio Facincani, che descriverà il percorso intrapreso per arrivare, dice, «a una gestione ottimale della sosta, che in soli sei mesi dall’avvio ha già prodotto risultati encomiabili». E spiega: «Non solo dal punto di vista della soddisfazione di cittadini e utenti, che notano una città più organizzata e vivibile, meno caotica, dove è più facile trovare parcheggio e pagare il ticket o l’abbonamento. Ma anche dal punto di vista del Comune, che ha il quadro completo della situazione, in tempo reale, e che ha accesso immediato a tutti i dati della sosta, sia economici che di flusso, potendo intervenire con celerità dove necessario». Infine, il sindaco di Negrar di Valpolicella, Roberto Grison, tornerà sull’importanza che un progetto di sosta sia sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e delle relazioni. Al seminario di Negrar interverranno gli esperti del concessionario a cui è affidata la sosta a pagamento, nonché i rappresentanti dei partner che stanno collaborando al progetto. Luca Gatto, della divisione SmartCities di Abaco, illustrerà come e perché il modello SmartParking applicato a Negrar sta facendo scuola: «Si tratta di un’esperienza concreta, dove possiamo far toccare con mano in che modo tecnologie ben integrate tra loro, con una regia oculata, sono in grado di portare ottimi risultati», anticipa. Dopo di lui sarà la volta di Enrico Podestà di Input srl che fornisce parcometri evoluti, di Giordano Ambrosi di Intercomp spa che parlerà di sensori, app e telecamere integrate, infine di Andrea Simone di Hub Italia che tratterà di impianti a barriera. •

Camilla Madinelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Elezioni-2019 Europee Amministrative
giro2019 giro2019

Sondaggio

Sboarina e Salvini vogliono chiudere i cannabis store legali. Siete d'accordo?
ok

Sport