CHIUDI
CHIUDI

18.05.2019

Bianca Pitzorno:
consegna del premio
«Ilcorsaronero»

Ha spirito da vendere, Bianca Pitzorno. Spirito corsaro, dato che lei stessa ammette di essere una salgariana convinta, cresciuta in una famiglia sarda di salgariani convinti, con il mito di «Sandokan che non piange mai» e un amore quasi viscerale per l'avventura e l'esotico. L'ha mostrato stamattina a Negrar di Valpolicella, durante la chiacchierata su vita, letteratura, televisione e ragazzi, arte, che ha preceduto all'auditorium della scuola primaria di Negrar la consegna del premio «Ilcorsaronero» a lei consegnato dall'omonima associazione per chiudere gli incontri con i narratori contemporanei organizzati da assessorato alla cultura del Comune e Università del tempo libero. Creativa, impermeabile agli editing e lieta di esserlo, Pitzorno ha ricevuto dallo scultore veronese Sergio Pasetto la riproduzione (in versione ridotta) della sua statua di Emilio Salgari che si trova in originale in via Cappello, a Verona. Gremita la sala pubblica negrarese, con piccoli e grandi lettori di una delle autrici contemporanee più amate. Dal 1970 a oggi Pitzorno ha pubblicato una cinquantina di romanzi e saggi, che hanno superato in Italia i due milioni di copie vendute.

 

«Ho sempre scritto per me, per mio impeto del cuore, e mai spinta dall'idea della pubblicazione», afferma Pitzorno, a ruota libera sulla sua laurea in archeologia preistorica, il suo passato alla Rai occupandosi di programmi televisivi culturali e per ragazzi, sulla scrittura e sui rapporti con gli editori. A dialogare con lei il giornalista e scrittore Luca Crovi, Margherita Forestan per tanti anni alla guida di Mondadori Ragazzi e suo editore, Beatrice Masini direttore editoriale di Bompiani con cui Pitzorno ha pubblicato lo scorso anno «Il sogno della macchina da cucire». «Ho fatto tanti traslochi, nella mia vita», conclude l'autrice. «Ma le prime cose che devo avere in una casa sono un trapano e una macchina da cucire». Lunghissima la fila delle lettrici e dei lettori che, al termine dell'incontro e della premiazione, hanno voluto incontrarla e farsi firmare almeno una copia di un suo libro. 

Camilla Madinelli
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1