CHIUDI
CHIUDI

22.08.2019

Arbizzano, lavori al semaforo In arrivo il sistema «Vista red»

Il cartello che indica i lavori al semaforo per il Vista red FOTO PECORA
Il cartello che indica i lavori al semaforo per il Vista red FOTO PECORA

Telecamere in arrivo all’incrocio semaforico di Arbizzano, tra la strada provinciale 4 della Valpolicella e le laterali via Stella e via San Francesco. Ma la sorveglianza sugli atti di vandalismo o sui furti, questa volta, non c’entra. Queste telecamere funzioneranno infatti con sistema «Vista Red» e rileveranno automaticamente i veicoli che passeranno con il rosso, facendo scattare le multe. Sono in via di ultimazione in questi giorni i lavori per l’istallazione di tutta l’apparecchiatura da parte della ditta Sicontraf con sede a Castel d’Azzano: fino a venerdì 30 agosto all’incrocio si procede a senso unico alternato regolato da addetti al traffico muniti di bandiere (dalle 8 alle 19.30, dal lunedì al venerdì) per garantire la sicurezza sia di chi transita, che degli addetti al cantiere. Dopo le necessarie prove tecniche di collaudo, il nuovo sistema di controllo potrebbe entrare in funzione già nella seconda metà di settembre. «La data dell’attivazione sarà resa nota agli utenti della strada con anticipo, attraverso i mezzi di comunicazione del Comune», garantisce infatti il vice sindaco e assessore alla polizia locale, Fausto Rossignoli. Nessuna intenzione dunque di rimpinguare le casse comunali con le multe, rassicura, bensì quella di mettere la sicurezza in primo piano in uno snodo assai trafficato. La strada provinciale 4 collega Negrar con i comuni di Verona e San Pietro in Cariano e in questo incrocio si sono verificati negli anni incidenti di diversa gravità e anche, purtroppo, con esiti mortali. In altre cruciali intersezioni della provinciale 4, a Santa Maria di Negrar e a San Pietro, ad esempio, per ragioni di sicurezza e anche di traffico i semafori stradali hanno lasciato il posto da anni a più sicure e scorrevoli rotatorie. Ad Arbizzano invece il semaforo rimane, ma a breve avrà la vista amplificata. «Estraneo agli intendimenti dell’amministrazione ogni intento di tipo economico», ribadisce Rossignoli. «Ciò che ci interessa è garantire al massimo il rispetto delle regole e la sicurezza degli utenti della strada. La decisione di installare le telecamere per controllare i passaggi con il semaforo rosso all’incrocio, adottata alla fine della scorsa amministrazione Grison, è preordinata esclusivamente a garantire una maggiore salvaguardia di coloro che vi transitano. Questa scelta costituisce un altro passo per incrementare il livello di legalità e sicurezza nel nostro territorio», continua l’assessore, «cercando di arginare una cattiva abitudine come il passaggio dell’incrocio con il semaforo rosso, che mette a repentaglio la vita e la salute dei cittadini e di tutti coloro che frequentano le nostre strade provinciali e comunali». «Una volta installato il Vista red, A Negrar si potranno utilizzare queste strade in quel punto con un po’ di serenità in più, da parte di tutti». Il sistema di rilevamento Vista red - in pratica il documentatore video di infrazioni semaforiche più utilizzato dai comandi di polizia locale - funziona senza l’ausilio di flash e quindi non è percettibile dagli utenti della strada, un accorgimento importante, che evita sia sbandamenti del conducente sia atti vandalici. Il sistema, inoltre, registra filmati in formato digitale, con file memorizzato in formato compresso e non modificabile, garantendo l’integrità e la salvaguardia del dato originale. Infine, è omologato per funzionare in modalità automatica senza la presenza degli agenti di polizia locale. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Camilla Madinelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1