CHIUDI
CHIUDI

22.05.2020

La Strada del Vino alleata dei Comuni Tre tavoli al lavoro per ripartire

Panoramica della Valpolicella
Panoramica della Valpolicella

In Valpolicella Comuni e Strada del Vino si alleano per la ripartenza economica del territorio e per fare fronte unitario alla difficile congiuntura dovuta all’emergenza coronavirus. Anche in Valpolicella il periodo non è dei migliori: cantine e aziende agricole lavorano perlopiù in campagna, ristoranti e negozi vedono solo ora i primi spiragli così come alberghi e altre strutture per l’accoglienza. Ma gli otto Comuni che ricadono sotto il marchio d’area turistica «Valpolicella, natura arte e sapori» - ovvero Negrar, Marano, Fumane, San Pietro in Cariano, Sant’Ambrogio, Pescantina, Sant’Anna d’Alfaedo, Dolcè - hanno dato il via insieme alla Strada del Vino Valpolicella a tre tavoli di confronto per arrivare a breve a proposte concrete di risposta alla crisi e di rilancio: il tavolo politico, coordinato dalla vicesindaca di Sant’Ambrogio e assessore al turismo Evita Zanotti; quello economico e del commercio, seguito dall’assessore Nicolò Rebonato del Comune di Pescantina; infine il tavolo del turismo nelle mani della Strada del Vino e della sua presidente, Miriam Magnani. POLITICA ED ECONOMIA. «Da parecchi anni stiamo lavorando insieme per lo sviluppo turistico della Valpolicella e ora, in questa congiuntura difficilissima, è necessario trovare strategie e proposte unitarie», sottolinea Zanotti, che insieme agli assessori degli altri Comuni ha partecipato alla prima videoconferenza del gruppo lo scorso 29 aprile. «Possiamo e dobbiamo mettere in comune esperienze e problematiche che viviamo nei nostri comuni, per trovare risposte che consentano un miglioramento generale. Nel gruppo di lavoro politico cercheremo di capire come intervenire a livello di finanza locale, nel rispetto delle normative, e di trovare opportunità o protocolli di ripresa che possano supportare le nostre realtà economiche». Senza di loro, infatti, non ci può essere ripartenza. «Non possiamo affrontare la ripresa senza ascoltare gli attori della nostra economia locale, per questo ho fortemente voluto questi tavoli», spiega Rebonato. «Unire le forze per avere nuove idee e proporre nuovi spunti: questo è l’obiettivo del tavolo economico e del commercio. Da questo momento si può uscire solo con una visione condivisa di investimenti mirati». TURISMO. Per quanto riguarda il tavolo sul turismo, settore che più pesantemente di altri è penalizzato dalle misure anti Covid-19, «ha lo scopo di condividere preoccupazioni e problemi delle diverse tipologie di attività che gravitano intorno al turismo e soprattutto di valutare nuove idee», precisa Magnani della Strada. «In questo momento ci servono stimoli e spunti per vedere un futuro più positivo di quello che ogni giorno vediamo in televisione». Il suo primo obiettivo al termine del confronto? «Portare proposte concrete direttamente alla Dmo Verona, di cui siamo parte e con la quale collaboriamo in modo attivo», risponde, «per integrare una strategia sul turismo a livello provinciale e dialogare con la Regione». Lo scopo, in pratica, è fare rete a livello locale, provinciale e regionale per essere più forti. Intanto la Strada del Vino ha attivato, già dall’inizio dell’emergenza, un piano di comunicazione sui social, modificando e implementando le sezioni del portale www.infovalpolicella.it. •

Camilla Madinelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie