Valpolicella. Il racconto di un fotografo

«I miei cinque anni con i lupi. Ecco cosa ho visto»

Valpolicella. Il racconto di un fotografo
Cinque anni con il lupo (Madinelli)

Schivo, intelligente, fedele. E misterioso: ecco a voi il lupo!

Il fotografo negrarese Silvano Paiola ha presentato ieri sera, 15 settembre, ad Arbizzano, nella sala civica di villa Albertini, quella che definisce una "favola", ossia l'incontro in Lessinia con la coppia di lupi Slavc e Giulietta e con i loro cuccioli.

"Cinque anni con i lupi dei Monti Lessini" è il titolo del reportage fotografico e video che Paiola a offerto al pubblico, arricchendolo con storie e aneddoti sugli appostamenti vissuti con l'amico Mirco alla ricerca del lupo.

«Ho inserito nel titolo "con i lupi" perché con loro abbiamo condiviso freddo, neve, albe e tramonti» spiega Paiola. «Perché abbiamo vissuto il loro ambiente e la loro famiglia, termine migliore di branco a mio avviso visto che hanno una struttura familiare simile alla nostra. Ho visto e fotografato animali in tutto il mondo. Eppure incontrare e fotografare i lupi è emozione pura, fa battere il cuore».

Ad Arbizzano l'appassionato fotografo naturalista il cuore l'ha fatto battere a molti, con la narrazione e le immagini, inaugurando le serate culturali, musicali e ricreative del "Festival d'autunno" organizzato dal Comune (assessorato alla cultura) e dall'Utl (Università del tempo libero) di Negrar.

"Cinque anni con i lupi dei Monti Lessini" è già stato presentato da Paiola una decina di volte in scuole, sedi del Cai o di associazioni veronesi. È richiesto anche fuori provincia e infatti a fine mese farà tappa pure a Brescia e Arzignano. La prossima primavera, anticipa il fotografo, i "suoi" lupi saranno anche a Garda. 

Camilla Madinelli