CHIUDI
CHIUDI

07.09.2019

Addio a Italo Chesini «Un punto di riferimento»

«Ha sempre realizzato i suoi sogni, agendo con intelligenza e decisione, amato da tutti anche dai giovani che gli raccontavano i loro problemi, sapendo di ottenere conforto ma e preziosi consigli». Franca Chesini, che gestisce la trattoria Valsorda in fondo alla Valle dei Progni, ricorda così il padre Italo, spentosi a 86 anni giovedì sera. Attivissimo fino a pochi giorni fa, era conosciuto da tutti, un punto di riferimento della zona e di Fumane, grande conoscitore dei sentieri. Aveva la licenza di ristoratore dal 1957, ma è stato anche contadino e quindi legato alla terra di Valpolicella, grande conoscitore di erbe e rispettoso dell'ambiente. «Era un uomo dalle solide radici, piantate profondamente nel terreno roccioso delle nostre profonde valli», ricorda Mirco Frapporti, ex sindaco di Fumane e grande amico di Italo Chesini. «Lo ricordo come attore della memoria musicale orale, proveniente da un luogo, la Valle dei Progni di Fumane, che anche Marcello Conati nel suo libro “Canti veronesi di tradizione orale” ha definito come crogiuolo di suoni, balli e musicalità». •

G.G.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1