CHIUDI
CHIUDI

15.05.2020 Tags: Negrar di Valpolicella

Fane, torna il medico dopo due anni

L’ingresso dell’ambulatorio medico di Fane di Negrar FOTOPECORA
L’ingresso dell’ambulatorio medico di Fane di Negrar FOTOPECORA

Mesi e mesi di attesa che sono diventati due anni almeno, a Fane. E poi finalmente, dopo l’addio del dottor Francesco Arrichiello, un nuovo medico di famiglia è arrivato a prendere servizio nella frazione montana del comune di Negrar di Valpolicella. Si chiama Francesca Picarazzi e ha iniziato l’ambulatorio il 4 maggio scorso, condividendolo con il collega Rosario Cattano nello stabile di proprietà della parrocchia. «Un risultato tanto atteso dalla gente di Fane e dagli anziani soprattutto, di cui la maggioranza e il sindaco Roberto Grison si sono presi tutti i meriti, ma che è stato invece frutto di un lavoro di squadra ed è stato reso possibile grazie all’impegno di tante persone» sottolineano i consiglieri comunali di minoranza Fabrizio Mignolli e Cristian Dal Pez, che militano nella Lega. «Perché allora non parlare di un progetto comune e raccontarne per filo e per segno l’andamento? Perché non unirsi, nei punti di forza e nelle debolezze, per il bene della comunità?» chiedono i due rappresentanti dell’opposizione. «Il sindaco ha svolto un grande lavoro, ma tante persone hanno collaborato, aiutato, sollecitato perché si arrivasse a colmare il vuoto lasciato dal medico di base precedente e a riottenere un servizio fondamentale per una comunità». Mignolli in particolare, che vive a Fane ed è vice presidente del consiglio comunale, non ci sta a essere messo in secondo piano: «Ho lavorato sempre dietro le quinte, parlato con i parroci e seguito le trattative, tenuto i collegamenti con Cattano» afferma. «Fane è il mio paese e so quanto sia necessario combattere perché non venga abbandonato a se stesso, lasciato senza servizi e trascurato». Insieme a Dal Pez, Mignolli ha insistito in consiglio comunale perché i riflettori rimanessero accessi sugli assistiti rimasti a lungo senza medico di base vicino a casa, redigendo interrogazioni rivolte al sindaco e alla maggioranza. «Abbiamo insistito e siamo contenti di averlo fatto, ma poiché le figure coinvolte sono tante crediamo sia giusto ringraziarle tutte» proseguono i consiglieri leghisti. «La signora di Fane, Franca Guardini non ha mai mollato e si è spesa in prima persona. Il dottor Cattano ha collaborato per trovare una formula di condivisione degli orari con la nuova collega, in modo da alternarsi nell’utilizzo dello studio medico e ha dimostrato grande senso di responsabilità e attaccamento alla comunità di Fane. Il parroco don Luca Masin, insieme a don Alberto, hanno fatto in modo di assegnare a titolo gratuito l’immobile. E, non ultima, la dottoressa Picarazzi si è messa a disposizione per questo importante servizio: le auguriamo buon lavoro». •

Camilla Madinelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie