CHIUDI
CHIUDI

23.03.2020

Enti di confine, in arrivo aiuti per 80 milioni di euro

Il ministro Francesco Boccia
Il ministro Francesco Boccia

Il Coronavirus non ferma l’arrivo del Fondo comuni confinanti. Lo fa sapere Massimiliano Adamoli, primo cittadino di Dolcé, che pochi giorni fa ha partecipato a Trento al Comitato dei Comuni di confine dove è stata proiettata la videoconferenza con il ministero, le Regioni e le Provincie. Adamoli, rappresentante per tutti gli otto Comuni confinanti veronesi, Bosco Chiesanuova, Brentino Belluno, Dolcé, Erbezzo, Ferrara di Monte, Malcesine, Sant’Anna di Alfaedo e Selva di Progno, precisa: «A Roma, è stata rinnovata l’intesa per la gestione del Fcc». Mette a disposizione 80 milioni di euro l’anno per i territori al confine con Trentino e Alto Adige. «Abbiamo il dovere di costruire le condizioni per far ripartire il Paese appena l’emergenza sarà finita», ha dichiarato il ministro Francesco Boccia (Pd). Ha sottolineato il presidente del Comitato, Roger De Menech: «Si tratta di «ossigeno» indispensabile per la montagna lombarda e veneta». Parere favorevole all’accordo è stato dato dal Ministero dell’economia. Ma c’è soprattutto la soddisfazione dei rappresentanti istituzioni veronesi: «Come è stato deliberato dal Comitato del Fondo dei Comuni di confine», afferma Adamoli, «l’intesa 2020 conferma l’impianto delle due precedenti intese, quella del 2017 e del 2014». Si tratta, riferiscono dal ministero, di una quota annuale fissa di 24 milioni di euro che sarà distribuita ai 48 Comuni confinanti beneficiari, nella misura di 500 mila euro ciascuno. Con decorrenza dall’annualità 2020 i Comuni non dovranno partecipare a bandi per l’assegnazione di tali risorse. Il finanziamento avverrà tramite trasferimento delle risorse con vincolo di destinazione alla realizzazione degli interventi. «Le modalità di individuazione», precisa anche il sindaco di Dolcé, «saranno definite dal Comitato paritetico stesso». I restanti 56 milioni di euro annui dovranno essere utilizzati tra gli altri per progetti territoriali nei Comuni confinanti e per la partecipazione a bandi europei.Ai lavori del Comitato, con diritto di voto, partecipano anche i presidenti delle Province di Belluno e Sondrio «Come abbiamo visto nella videoconferenza», assicura Adamoli, «la firma dell’Intesa è avvenuta per via digitale, nel pieno rispetto delle attuali restrizioni utili a fronteggiare l’emergenza Coronavirus». •

B.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie