CHIUDI
CHIUDI

25.08.2019

Cancellata dal diluvio, riparte la Magnalonga

Tale e quale all’edizione 2018, fuorché nel meteo. Per domenica prossima il comitato organizzatore della Magnalonga Settembrina spera nel sole e torna alla carica dopo l’edizione dello scorso anno annullata - per la prima volta in 16 anni - a causa della violenta alluvione che colpì il territorio negrarese e la Valpolicella. «Sfidiamo la sorte riproponendo percorso, menù e cantine che erano in programma nel 2018», spiega il presidente del comitato, Claudio Venturini. «L’EDIZIONE di quest’anno è la diciassettesima, speriamo bene», continua, sottolineando che i partecipanti dello scorso anno sono stati tutti rimborsati. Per questa volta ha fiducia: «Pensiamo che quest’anno alluvioni non ce ne siano e dunque ci riproviamo». La Magnalonga Settembrina, grazie a una formula e a un’organizzazione collaudate, a ogni edizione ha attirato visitatori veronesi e turisti da altri parti d’Italia e pure dall’estero. Così fa da volano al turismo nella zona e, anche per questo, il Comitato ha ottenuto patrocinio e sostegno da Regione Veneto, Provincia di Verona, Comune di Negrar di Valpolicella, Consorzio Tutela Vini Valpolicella e Strada del Vino Valpolicella. Per prodotti, sicurezza e volontari da impegnare, inoltre, il Comitato organizzatore si avvale della collaborazione di aziende locali e associazioni: Salumificio Coati, Ais Valpolicella Valdadige, Magnalonga di Pedemonte, Moto Club Valpolicella, Calcio Club Receoto, Pizzeria da Gian, Gruppo sportivo culturale Mazzano, Adoro Caffè. Per iscriversi alla manifestazione c’è tempo fino a domani. Il percorso ad anello, di otto chilometri, è studiato per far conoscere paesaggi, borghi, colline che circondano Negrar nel periodo della vendemmia, momento cruciale nella terra dell’Amarone e del Recioto. La passeggiata si snoda su strade e sentieri, prevedendo tappe enogastronomiche a cui fermarsi e ristorarsi. Si parte dal centro del capoluogo, quindi si prosegue verso località Saga e Ca’ Salgari, contrada Crosara e località Jago. Si ritorna in centro per una tappa alla storica Corte Vason Caprini, teatro di mostre e incontri culturali durante l’anno. Poi si raggiungono villa Rizzardi, località Villa e Calcarole, la frazione di San Peretto e villa Rovereti. DA UN POSTO all’altro non mancheranno le soddisfazioni per gambe, vista e naturalmente palato. Come? Bei paesaggi uniti ad esempio a bruschette all’olio d’oliva, risotto al «tastasal», spezzatino con verdure, formaggi della Lessinia e il dolce della Magnalonga Settembrina. Il tutto accompagnato dai vini delle aziende vinicole (Cantina Valpolicella Negrar, Boni Alessandro, Fratelli Benedetti, La Quena, Norma Massaro, Corte Gonella) che sostengono l’iniziativa. La partenza avviene a gruppi a partire dalle 10. I biglietti per gli adulti costano 28 euro, per i ragazzi (6-16 anni) 15 euro, bambini fino a 5 anni gratis. Per iscriversi: www.magnalongasettembrina.it. Per informazioni telefonare al numero 346. 3647892. •

Camilla Madinelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1