SAN PIETRO IN CARIANO

Calabrese-Levi, in Estonia col sorriso

Gli allievi hanno lavorato con i colleghi stranieri ai rischi di internet e creato spot sulla salute
I ragazzi del Calabrese-Levi del progetto Comenius in Estonia con i loro insegnanti
I ragazzi del Calabrese-Levi del progetto Comenius in Estonia con i loro insegnanti
I ragazzi del Calabrese-Levi del progetto Comenius in Estonia con i loro insegnanti
I ragazzi del Calabrese-Levi del progetto Comenius in Estonia con i loro insegnanti

Si è tenuto in Estonia, alla Karla School di Saaremaa, il 5° meeting del progetto Comenius. L'Istituto Calabrese-Levi di San Pietro in Cariano vi ha partecipato con 5 alunni dell'indirizzo tecnico e liceale e 2 docenti. Il tema era «I rischi e le potenzialità di internet». «I ragazzi», spiega la professoressa Simona Polzot, «hanno realizzato animazioni al computer, prodotto spot per promuovere la salute, approfondito il tema del meeting. Il viaggio ci ha anche permesso di conoscere una repubblica europea che ha ottenuto l'indipendenza dall'ex unione sovietica solo nel 1991. I nostri alunni sono stati apprezzati per responsabilità e capacità di mettersi in gioco nella relazione con i loro partners europei».
Ora si conclude il progetto Comenius «Think and live healthy in a healthy community!», cioé Pensare e vivere sani in una comunità sana, iniziato a settembre 2013. In questi due anni, 20 studenti e 4 docenti del Calabrese-Levi hanno partecipato agli incontri in Francia, novembre 2013, in Turchia, febbraio 2014, in Polonia, maggio 2014 e in Estonia. Dice il preside Roberto Carreri: «Ringraziamo 4BA, 4AF, 4ESA e 4BS per il lavoro svolto coi docenti e l'organizzazione del meeting realizzato ad ottobre. I nostri partner ci ricordano come la scuola del sorriso e ci hanno ringraziato per accoglienza e competenza».L.C.

Suggerimenti