CHIUDI
CHIUDI

11.10.2019

I cinghiali devastano
i campi, costretto
a spostare le mucche

A fine settembre è stato costretto a portare a casa oltre la metà della cinquantina vacche che ha in alpeggio a Malga Sengio Rosso. Marcello Brunelli, allevatore con la figlia Lucia a Velo, in alpeggio da sessant’anni, non ha mai visto un disastro del genere. Malga Sengio Rosso, a 1.296 metri di altitudine, fra Conca dei Parpari e il crinale che separa con il salto di 500 metri la Lessinia dalla Val d’Illasi, è letteralmente arata dai musi grufolanti di decine di cinghiali. Il danno è notevole perché le conseguenze si trascinano per anni. I cacciatori non possono venire a sparare perché, sebbene fuori dal Parco, la quota sopra i 900 metri di altitudine ha delle limitazioni che gli stessi cacciatori chiedono di togliere. L’azienda, che è sempre al vertice nelle varie rassegne ed esposizioni dei capi migliori, può mantenere questo primato solo garantendo ai capi allevati le più sane condizioni di vita.

V.Z.
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1