Un’incisione su pietra per donare il defibrillatore

Un’incisione su pietra della Lessinia, un prestigioso affresco che ci porta in Lessinia, creato per solidarietà da Andrea Zivelonghi che ha riprodotto un scatto del fotografo Luca Tavoso. Sul quel pezzo di pietra ,alto 70 centimetri, largo 50 e spesso 2, la sagoma tutta nera di albero senza foglie, i cui rami sembrano artigli che graffiano il cielo. Il fine di quest’opera, posta all’asta, è quello di acquistare un defibrillatore portatile ad uso della squadra di emergenza della Protezione Civile che opera su tutto il territorio della Lessinia. «Lo scopo dell'opera», affermano gli autori, «non è quello di fare una riproduzione identica, bensì suscitare delle emozioni e ricordi legati alla Lessinia. Siamo convinti che la pietra della nostra zona rappresenti e racconti la Lessinia e la sua storia, come fanno le foto e le sculture. In questa incisione emergono sia il colore che la venatura tipiche di questo prodotto estrattivo». E infine concludono: «Ogni contributo per la realizzazione di questo progetto sarà di fondamentale importanza per salvare vite umane». Per donazioni con bonifico, usare l’Iban IT95L 0801159280000023092005‬ causale: (Defibrillatore ODV Ass. Protezione Civile Bosco Chiesanuova). •

R.C.