Un anno di cibo gratis per i cani da guardiania

Cani da guardiania
Cani da guardiania
Cani da guardiania
Cani da guardiania

L’azione «Reduce the conflict» del progetto «Farmers&Predators» di Almo Nature fornisce circa 500 grammi di cibo al giorno e per l’intero anno, con rifornimenti a cadenza trimestrale per ciascuno dei 13 cani da guardiania ceduti gratuitamente dalla Regione agli allevatori. «Attraverso l’azione Reduce the conflict», spiega Camila Arza Garcia, responsabile dell’area Almore di Almo Nature, «ci impegniamo a fornire un totale di 2.372 chili di mangime per sostenere quegli allevatori che hanno scelto la via della prevenzione e hanno deciso di proteggere in maniera naturale, nel pieno rispetto della biodiversità, il proprio bestiame domestico contro gli attacchi da predatore. La soluzione per la difesa del gregge non è la caccia al lupo. Crescere nelle diversità può essere un valore aggiunto anche per gli allevatori». La collaborazione prevede che gli allevatori non intraprendano alcun atto di ostilità nei confronti dei predatori e che i cani siano tenuti e addestrati con rispetto. L’azione Reduce the conflict, insieme con A possible alliance rientra in Farmers& Predators, un progetto europeo di Almo Nature che ha come obiettivo la trasformazione del rapporto tra uomo e predatori, offrendo strumenti concreti per la riduzione dei conflitti nell’ambito delle attività zootecniche, con uno sguardo alla valorizzazione dei piccoli produttori e del loro operato virtuoso. Un impegno, quello verso la natura, che ha portato gli azionisti di Almo Nature a scegliere di donare il cento per cento delle azioni della società Almo Nature spa, e delle sue filiali, a una Fondazione e tutti i profitti (dividendi) a essere unicamente utilizzati a favore degli animali e dell’ambiente, che di fatto diventano i veri proprietari del marchio. V.Z.