Selva di Progno

Sul monte Torla
una palestra di roccia
con 22 nuove vie

Selva di Progna
La falesia del monte Torla
La falesia del monte Torla
Palestra roccia monte Torla (Zambaldo)

A tre minuti a piedi dal rifugio Monte Torla di Campofontana è nata una nuova palestra di roccia per arrampicata sportiva denominata Falesia del Torla.

 

Inaugurata con il patrocinio del Comune di Selva di Progno e del Parco naturale regionale della Lessinia, realizzata dal rifugio con la collaborazione di Verona Verticale di San Martino Buon Albergo e Montura Store di Verona è stata portata a termine in un anno e mezzo di lavoro da tre amici con la passione dell’arrampicata sportiva: Dome di San Bonifacio, Mike di Badia Calavena e Nik di Soave.

 

Sono 22 vie di roccia di varia lunghezza (tra i 10 e i 30 metri) e di differente difficoltà, da un terzo grado per principianti, fino a un 7A+.

L’area è immersa in una natura ancora lussureggiante, con la grande parete che esce dal bosco sopra l’alta Val d’Illasi, a 1.350 metri di altitudine, e un balcone che fa da belvedere sulla sottostante valle.

 

Ci si arriva dal rifugio passando attraverso una stretta spaccatura nella roccia (“Torla”, che in cimbro significa “porta”) e che è sempre stata passaggio naturale del sentiero che da Giazza sale sui pascoli della Lobbia. È stata presa d’assalto da alpinisti e bambini guidati nell’approccio all’arrampicata da istruttori qualificati. È liberamente accessibile a chiunque sia provvisto dell’attrezzatura necessaria e in possesso dei requisiti tecnici e fisici per affrontare la parete in sicurezza. Ogni fine settimana vengono organizzati corsi di arrampicata per bambini e adulti, prenotando la partecipazione al rifugio Monte Torla con un messaggio WhatsApp al numero 340-8029769. 

Vittorio Zambaldo