CHIUDI
CHIUDI

15.05.2019

Cappelletti in campo per salvare scuole dell’obbligo e medico a Giazza

Sindaco di Selva di Progno, Antonio Cappelletti
Sindaco di Selva di Progno, Antonio Cappelletti

Sarà ancora sui banchi del consiglio comunale Marco Antonio Cappelletti, che dopo l’esperienza di sindaco ha continuato il suo impegno per il paese nella liste di minoranza negli ultimi due mandati e che oggi si ricandida ancora con la lista «Insieme si può», «valida alternativa, con un programma che punta a valorizzare le risorse, le potenzialità e i servizi della comunità, con uno sguardo attento allo sviluppo e al domani di chi abita nel cuore della Lessinia», sintetizza Cappelletti. La squadra che mette in campo conta su nomi che hanno già amministrato, come lo stesso Silvano Valcasara, anche lui sindaco per un mandato, «ma anche su volti nuovi e giovani come Serena Bordon e Mattia Xamo, che hanno scelto di dare il loro fresco e innovativo contributo per il bene dei loro concittadini», anticipa il candidato sindaco. «In un momento storico in cui chi vive in montagna è lasciato a se stesso, noi vogliamo parlare di sviluppo e di servizi per i nostri concittadini, mettendo in chiaro che le priorità nostre sono la reintroduzione dell’ambulatorio medico a Giazza; il mantenimento delle scuole dell’obbligo sul territorio; un aiuto concreto alle piccole imprese e agli agricoltori, poiché rappresentano una grande risorsa per la comunità», spiega il candidato Marco Antonio Cappelletti. Aggiunge ancora tra gli obiettivi che si propone di ottenere per i concittadini il miglioramento del servizio di trasporto pubblico dell’Atv, la riapertura nella giornata di sabato dell’ufficio postale, il completamento della variante alla strada provinciale 10 e la valorizzazione del ruolo educativo del Museo dei Cimbri di Giazza e anche del Museo dei Trombini di San Bortolo. «Vivere in montagna non deve essere un lusso, ma un diritto al benessere per chi sceglie di rimanere», è lo slogan della lista che lo sostiene, che parte dall’esigenza di guardare al proprio domani con speranza e voglia di riscatto. «Crediamo nel valore umano e sociale della famiglia e attraverso importanti interventi, come la riduzione delle rette delle scuole materne comunali, vogliamo aiutare i nuovi nuclei familiari in difficoltà, come anche tutelare la figura dell’anziano all’interno del nostro territorio», elenca Cappelletti. Il candidato sindaco non dimentica la realtà produttiva locale e punta soprattutto a investire nello sviluppo del turismo, valorizzando le aziende di piccole dimensioni e i caseifici. «La nostra gente ha il diritto di avere e di mantenere servizi che possano garantire il benessere e la vitalità della nostra montagna: dobbiamo sistemare le strade comunali e anche quelle provinciali; dobbiamo inoltre recuperare la zona artigianale e creare una forte sinergia con i Comuni limitrofi; vogliamo ottenere fondi per creare un forte sviluppo locale». «Insieme possiamo veramente attuare un programma virtuoso e soprattutto reale, coinvolgendo amministrazione, territorio e associazioni», conclude Marco Antonio Cappelletti, rimandando agli elementi che caratterizzano il simbolo di «Insieme si può»: foresta, acqua e montagne, «risorse che possediamo e che vogliamo salvaguardare». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

V.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1