Romano: «Ci sono servizi fondamentali che vanno ripristinati»

Michele Romano, presidente di Croce Verde Verona
Michele Romano, presidente di Croce Verde Verona

Michele Romano, presidente di Croce Verde Verona, non dispera di poter risolvere la situazione della riorganizzazione della rete di urgenza-emergenza, cercando di far coincidere le linee previste dal provvedimento della giunta regionale, con le aspettative del Suem 118 che ha indicato 35 ambulanze operative sulla provincia scaligera contro le 29 previste dalla Regione. «Sono rimaste fuori delle sedi importanti come Cerro e tutto l'altopiano della Lessinia centrale. Siamo in una fase provvisoria, ma ho concordato con l’Ulss 9 di fornire una proposta alternativa e migliorativa rispetto a quella che esce dalle schede della Regione», aggiunge Romano, rivelando di aver fatto degli incontri anche con altre associazioni di volontariato del soccorso e dell’emergenza «in cui è apparso chiaro che alcune sedi sono fondamentali e devono essere ripristinate. Siamo in fase di proposta per vedere che cosa sia possibile mantenere e migliorare e in questi termini ci siamo parlati anche con l’assessore regionale Manuela Lanzarin. Per il momento quello che esiste rimane in funzione. Noi ci impegniamo a mantenere la nostra sede di Cerro perché il problema è proprio assicurare il collegamento continuo con la catena dell’emergenza».

V.Z.