CHIUDI
CHIUDI

08.07.2019

Tanti ospiti stranieri in paese per la Festa della fisarmonica

Un gruppo di musicisti alla Festa della fisarmonica FOTO AMATO
Un gruppo di musicisti alla Festa della fisarmonica FOTO AMATO

All’ucraino Dmytro Motuzok di Kiev va il primo premio e la vincita della fisarmonica messa in palio da Cooperfisa, l’azienda vercellese che ha sempre sostenuto le 28 edizioni finora disputate della Festa internazionale della fisarmonica di Erbezzo. Sono stati una quarantina i concorrenti, arrivati da tutta Italia, dalla Croazia e dall’Ucraina, «con un livello di preparazione notevolmente alto e aumentato rispetto alle passate edizioni», rivela il maestro Andrea Segala che ha partecipato alla giuria presieduta dal maestro Vanio Testi. «È bello vedere le persone che crescono con la fisarmonica in mano», aggiunge Emiliana Roveri, direttrice di Cooperfisa, «vederli bambini e ritrovarli a loro volta insegnanti di altri allievi, contenti di tornare a sostenere una manifestazione che da parte nostra appoggiamo e continueremo a farlo con l’aiuto del Comune». Il paese è stato per due giorni trasformato dalla presenza dei fisarmonicisti: bambini, giovani e adulti partecipanti al concorso, ma anche tanti appassionati che hanno improvvisato sulle vie e sulle piazze momenti di musica e canto, rigorosamente accompagnati dallo strumento a mantice e tasti. La classifica vede ai primi posti nella categoria A, quella dei giovanissimi, Gabriele Colme di Trento, Stefany Vladusic di Parenzo, Serena Cairus e Stefano Bennech, entrambi di Villar Pellice (Torino). Nella categoria B, Manuel Petris (Udine), Nikola Antolovic da Tinjan e Vito Mendica da Parenzo (Croazia). Per la categoria C il primo premio è andato a Lucia Comelli (Udine), Filip Zikovic e Ricarda Labinac, entrambi croati di Parenzo e Torre. Vincitore della categoria D è stato Giorgio Battaini di Trento e della E Andrea Nassivera di Udine. Infine, doppia vittoria per Nataliia Horaichuk di Kiev nella categoria F classica e leggera e altre due ucraine hanno primeggiato nella G classica con Olesia Melytska e Yana Naumenko. Da segnalare anche il secondo posto del veronese Riccardo Bazzani nella stessa categoria del vincitore assoluto (G leggera). «I tempi per l’organizzazione di questi eventi non sono facili», ha commentato all'inizio delle premiazioni il sindaco di Erbezzo Lucio Campedelli, «ma ce l’abbiamo fatta a presentare al meglio il nostro territorio ai tanti ospiti venuti da fuori. Lavoreremo ancora per crescere e confermarci, perché la nostra miglior soddisfazione è vedere la gioia e l’entusiasmo dei concorrenti e il messaggio di amicizia e fratellanza fra le nazioni in nome della musica». Ha portato i saluti del presidente della Provincia Manuel Scalzotto il consigliere Cristian Brunelli, che si è detto «felice di vedere che in Lessinia si portano eventi importanti, spettacoli di qualità di livello internazionale e musica che ha un linguaggio universale. Mi congratulo con gli organizzatori e immagino la difficoltà della giuria a scegliere fra tanti bravissimi protagonisti». •

V.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie