Il campione a Sant'Anna d'Alfaedo

Emiliano Brembilla inaugura la piscina più alta della provincia

.
Emiliano Brembilla all'inaugurazione della piscina di Sant'Anna d'Alfaedo
Emiliano Brembilla all'inaugurazione della piscina di Sant'Anna d'Alfaedo
Emiliano Brembilla all'inaugurazione della piscina di Sant'Anna d'Alfaedo
Emiliano Brembilla all'inaugurazione della piscina di Sant'Anna d'Alfaedo

Emiliano Brembilla riapre la piscina comunale di Sant’Anna dAlfaedo, l’impianto natatorio alla quota più alta di tutto il Veronese, e rimane affascinato dalle bellezze del paese della Lessinia.

Di spessore sportivo e umano la presenza dell’ex nuotatore super decorato nello stile libero e specializzato nelle medie e lunghe distanze: ha gareggiato ad altissimo livello dai 200 ai 1.500 metri. Brembilla nel corso della sua carriera ha vinto 54 titoli italiani e ben 15 titoli europei. Ai Mondiali di nuoto ha conquistato due argenti e due bronzi, mentre alle Olimpiadi è salito sul podio ai Giochi di Atene 2004, vincendo il bronzo nella staffetta 4×200 metri in stile libero. Infine, oltre a recitare nel film «Ultima gara», ha preso parte anche alla pellicola «Come un delfino».

Emiliano è stato il super ospite alla riapertura della piscina comunale, che ora ha una nuova e locale gestione: la Polisportiva del presidente Simone Lavarini. L’inaugurazione è stata un evento che ha visto la presenza di tutta la giunta comunale e di tutte le rappresentanze delle varie associazioni presenti sul territorio, che non hanno voluto mancare a questo passo importante, in cui l’amministrazione comunale affida la gestione della piscina alla polisportiva Sant’Anna d’Alfaedo. Una dirigenza locale, dunque, per la nuova vita della piscina aperta nel febbraio 2017, un valore aggiunto alla sua comunità.

«È stato un atto di coraggio e d’amore per il nostro paese», ha esordito il presidente della Polisportiva Lavarini, «per poter assicurare uno spazio attrezzato per coloro che voglio praticare il nuoto senza sobbarcarsi chilometri di viaggio fino alla pianura. Non è stato un cammino facile arrivare alla meta, tra incertezze, ansie e responsabilità, che abbiano affrontato con la consapevole di aver arricchito il nostro territorio di un servizio sportivo di buona qualità».

Molto emozionato il sindaco Raffaello Campostrini nel suo saluto ai tanti presenti: ha voluto sottolineare che poter disporre di una piscina in paese «è stata una scelta di chi mi ha preceduto, un progetto che dopo tante avversità nel suo iter ha potuto trionfare per la tenacia dei suoi ideatori ed ora sta raccogliendo i suoi frutti».

«“Che bel posto è il vostro paese, assomiglia un po’ al mio, nel Bergamasco dove sono nato», ha risposto al microfono Brembilla, dal 1997 abitante in Valpolicella e attualmente istruttore al Centro federale del nuoto di Verona. «E soprattutto la vostra piscina, molto familiare, intima (le corsie sono tre, lunghe 25 metri, ndr) e molto curata, al cospetto di tante cattedrali nel deserto che ho avuto l’occasione di vedere: fredde e immense», ha proseguito Emiliano.

Ai giovani nuotatori della sua squadra agonistica ha voluto dire: «Non dovete fare nuoto per far piacere ai vostri genitori ma per voi stessi, per passione e per amore di questo sport, Perché è solo grazie ad essa che si possono raggiungere traguardi importanti,. E se questi non arrivano, resta sempre il piacere di averci provato».