CHIUDI
CHIUDI

08.11.2017

Attesi 80 profughi
nella contrada
che ha sette abitanti

Contrada Vaccamozzi (foto Pecora)
Contrada Vaccamozzi (foto Pecora)

In contrada Vaccamozzi, a Erbezzo, abitano sette persone. Una donna con madre e zio di 94 e 96 anni, una coppia, una badante e un uomo. È qui che tra ieri e domenica sera, accolti dalla nebbia e dalla pioggia, sono arrivati 26 africani, richiedenti asilo, tutti tra i 18 e i 30 anni. Sono i primi, ne sono attesi in tutto 80. Saranno ospitati nell’ex base Nato accanto alla contrada, nell’edificio che era utilizzato anche dai carabinieri.

 

Il sito è stato assegnato dalla Prefettura alla cooperativa Versoprobo di Vercelli, che in Italia si cura di 1.300 migranti (tra cui quelli a Roncolevà di Trevenzuolo) e che ha sottoscritto una convenzione con la Prefettura per ospitare a Vaccamozzi un’ottantina di persone. Il sindaco di Erbezzo: «Gli faremo spalare la neve».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie