Visite agli ospiti Ipab Il vaccino apre le porte

La casa di riposo di Bussolengo
La casa di riposo di Bussolengo

Il tavolo tecnico dell’Ipab-Centro anziani di via Paolo Veronese, composto dal presidente Gilberto Pozzani, dal direttore Francesco Zantedeschi, dal medico della struttura Fallahi Mojtaba, da Barbara Trazzi, coordinatrice dei servizi, dall’assistente sociale Leone Elisa, dall’educatrice Cecilia Munari, ha dato il via libera alla ripresa delle visite dei familiari degli ospiti. Si tratta di una prima fase, sperimentale. Il progetto «Gli abbracci ai nonni della casa di riposo in presenza» partirà domani e durerà fino a lunedì 1 marzo, con orario fisso dalle 9.30 alle 11, per quattro ospiti, e per altri quattro anziani dalle 15 alle 16.30. Spiega il direttore Francesco Zantedeschi: «Una volta effettuata la completa vaccinazione di dipendenti, collaboratori, professionisti e ospiti, proviamo questa apertura sperimentale. I parenti verranno sottoposti a test antigenico rapido per poter accedere alla struttura e se risulteranno negativi entreranno. Un’altra misura che abbiamo preso riguarda i nuovi arrivati nella struttura: dovranno essere vaccinati o avere espresso il consenso al vaccino. Fondamentale rispettare le prescrizioni». Dopo la fase sperimentale, dal 2 marzo e fino al 30 giugno, le visite in presenza continueranno come programmate dall’educatrice e con una ridefinizione della procedura. Tra le richieste della direzione della casa di riposo, vi sono la massima puntualità e il rispetto dell’orario indicato di inizio della visita. Potranno accedere massimo due familiari, senza possibilità di sostituzioni nel corso della visita; l’ingresso avverrà dal cancelletto secondario, sul lato ovest del fabbricato. Per i familiari, vige l’obbligo di indossare la mascherina ed il camice e la registrazione di cognome, nome, codice fiscale ed indicazione del medico di base, con consegna del questionario e dell’autocertificazione, precompilata e sottoscritta. Al termine di ciascuna visita, un incaricato procederà all’igienizzazione di ambiente ed arredi. Commenta infine il presidente Gilberto Pozzani: «Questa decisione collegiale del tavolo tecnico è fondamentale per poter riprendere un regime normale nelle relazioni della casa di riposo tra ospiti e parenti, che hanno dovuto sopportare molti sacrifici durante il periodo della pandemia, prima dei vaccini». •

L.C.