CHIUDI
CHIUDI

30.06.2019

Sale civiche con climatizzatori per i nonni

L’amministrazione comunale di San Martino Buon Albergo, viste le temperature torride di questi giorni, mette a disposizione delle persone anziane, sprovviste di impianti di condizionamento nelle proprie abitazioni, le sale civiche attrezzate con climatizzatore. Le sale interessate sono la De Betta in centro paese, quella di via Adamello in Borgo della Vittoria e la sala presso la palestra Todaro a Case Nuove che sono aperte dalle 15 alle 19 tutti i giorni e gestite, in collaborazione con l’Associazione Ci Siamo Noi, per gli anziani del paese che vogliano trovarsi per trascorrere qualche ora insieme. Le sale sono provviste tutte di impianto di aria condizionata e gli anziani possono passare del tempo leggendo i libri presenti, oppure giocando a carte e a tombola con le persone che le frequentano abitualmente. Inoltre l’amministrazione comunale sta coinvolgendo alcune associazioni per iniziative ricreative da svolgere nelle sale, che siano di interesse degli anziani e li coinvolgano per le ore in cui sono presenti. ALTRA NOVITÀ riguarda la possibilità di raggiungere le sale civiche del paese con l’aiuto della Protezione civile per le persone che non sono in grado di recarvisi autonomamente: chiamando il numero 320.4330818 si entra in contatto con un volontario della Protezione civile, che provvede a organizzare il trasporto. Il servizio è a disposizione dei residenti, programmato dall’amministrazione comunale ogni volta in cui scatterà l’emergenza caldo in base alle indicazioni dell’ Ulss e della Prefettura. «Ringrazio la Protezione civile che assumendosi il compito del trasporto, ma anche quello di apertura e chiusura delle sale civiche, garantisce alle persone che lo desiderano di passare alcune ore in compagnia e in un ambiente più salutare», commenta il sindaco Franco De Santi, che non pone limiti temporali all’iniziativa se non quelli imposti dalle condizioni climatiche. E annuncia la possibilità di intervenire sull’ex Garden Cafè di via Roma, vicino alla stazione ferroviaria, in collaborazione con l’assessorato ai servizi sociali affidato a Roberta Scaravelli, per trasformarlo in un centro per anziani con l’obiettivo di creare con il supporto di Isac (Istituzione servizi al cittadino) e i servizi sociali, in una struttura che affianchi i nonnini nelle loro attività. •

V.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1