CHIUDI
CHIUDI

09.02.2020

«Quelli di ... Domani in campo? Non ci potranno rallentare»

Il palazzo del Comune di San Martino Buon Albergo
Il palazzo del Comune di San Martino Buon Albergo

«Apprendiamo positivamente, dalle pagine de L’Arena, l’entusiasmo dell’associazione San Martino Domani che avvia la propria campagna elettorale con due anni d’anticipo, ma questo non sarà certo un elemento di rallentamento nel percorso iniziato due anni fa dalla nostra amministrazione». Esordisce così il sindaco Franco De Santi, unitamente alla sua giunta, all’annuncio che San Martino Domani (Smd), in piena campagna di tesseramento per il rinnovo delle cariche sociali, conferma la volontà di essere presente anche nella lizza elettorale del 2022, dopo aver portato due suoi esponenti (Claudio Ferrarini e Lorenza Faccioli) sui banchi di minoranza del Consiglio comunale. «Continueremo a portare avanti i nostri programmi e le nostre idee in modo compatto come squadra, elemento caratterizzante e fondante del gruppo», annunciano sindaco e giunta, che tuttavia muovono dei rilievi a quanto sostenuto da Smd, «perché inesatto e incompleto». Anzitutto l’adesione ad Avviso Pubblico, rete di enti locali che concretamente si impegnano per promuovere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile contro le mafie: «È nata dalla volontà di sindaco, giunta e Consiglio a seguito della proposta dell’assessore all’anticorruzione del Comune di Verona, Edi Maria Neri, ora vicepresidente di Avviso Pubblico. A lei, e a nessun altro, va quindi il merito di aver proposto alla nostra amministrazione l’adesione alla rete», sottolineano sindaco e giunta. Sul tema della mancata integrazione del «Fattore famiglia» come indicatore sostitutivo dell’Isee, gli amministratori ricordano che «così come è strutturato, necessita obbligatoriamente di una prima fase di raccolta dati per la personalizzazione della retta direttamente dalle famiglie fruitrici del servizio (scuola d’infanzia e nido). Non è stato possibile raccogliere tali dati in quanto i genitori non si sono resi disponibili, nonostante gli incontri preparatori organizzati dall’amministrazione e da Isac (Istituzione servizi al cittadino), alla compilazione del questionario apposito finalizzato alla raccolta dei dati utili all’elaborazione del supporto economico del Fattore famiglia. Inoltre, l’applicazione di tale fattore senza avere l’elaborazione dei dati non è necessariamente una scelta migliorativa per le famiglie che, anzi, rischiano un aumento delle rette. Evidentemente, i già numerosi esistenti regolamenti di abbattimento delle rette, riduzioni e agevolazioni, sono una risposta sufficiente e apprezzata dai cittadini. Iniziative sociali e l’attenta gestione dei fondi permettono a San Martino Buon Albergo di essere tra i migliori Comuni della provincia in termini di supporti economici alle famiglie: un risultato migliore rispetto a quanto si potrebbe ottenere con il Fattore famiglia», precisano gli amministratori. Infine sindaco e giunta rivendicano l’autonomia della programmazione: «Non esistono, per il piano delle opere pubbliche, scelte o pressioni mediatiche fatte da Smd che abbiano influenzato la programmazione, in quanto tutti i piani e i relativi investimenti sono sempre stati bocciati con voto contrario dai loro rappresentanti in Consiglio comunale», concludono De Santi e la sua giunta. •

Vittorio Zambaldo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie