CHIUDI
CHIUDI

22.07.2019

Il nuovo defibrillatore protegge il paese

Si avvera il sogno dell’ex sindaco Valerio Avesani di poter definire San Martino Buon Albergo città cardioprotetta. Infatti, un ulteriore tassello di un nuovo defibrillatore si è unito al mosaico concepito dal primo cittadino, scomparso prematuramente un anno e mezzo fa. «È grazie a lui che abbiamo avviato l’iniziativa di un “service del centenario” per dotare la Strada Comun, il percorso ciclopedonale che unisce San Martino a Montorio, di un defibrillatore, collocato all’incrocio con via Falcona, tra la Fossa Zenobria e la Fossa Murara», spiega Michele Sganzerla che al momento dell’intesa con Avesani era presidente del Lions Club Verona Arena. La stessa associazione si era poi impegnata a raccogliere fondi con lo spettacolo di varietà Ridere di cuore, andato in scena al Teatro Peroni. L’iniziativa ha permesso di collocare due defibrillatori lungo il percorso, uno a Ferrazze e l’altro al Circolo Primo Maggio di Montorio. All’inaugurazione della donazione per San Martino era presente il sindaco Franco De Santi, che ha ringraziato il Lions Club Verona Arena per la sensibilità dimostrata nel fornire un ulteriore servizio di tutela ai cittadini che frequentano il percorso, «e per aver voluto ricordare che l’idea è partito dall’ex sindaco e amico Valerio Avesani. Tutti abbiamo apprezzato la sua sensibilità e disponibilità a mettersi al servizio degli altri». «Lo ritengo uno strumento utile e fondamentale per salvare delle vite», ha aggiunto Silvia Macha, attuale presidente del Lions Club Verona Arena, «e do merito a Michele Sganzerla, che abita a Montorio, di averla proposta ed essersi adoperato per arrivare alla conclusione di questo progetto». Il drappo con lo stemma del Comune è stato tolto dal sindaco, presenti anche Barbara, Mara e Ivano, figlia, moglie e fratello di Valerio Avesani. Da loro è arrivata la conferma che presto ci sarà un ulteriore defibrillatore a disposizione della popolazione, collocato all’esterno della loro azienda Nova Systems, che ha la propria sede nel Centro commerciale Verona Est, completando così un desiderio che Valerio Avesani avrebbe sicuramente realizzato. «Sono dieci i defibrillatori già in funzione sul territorio comunale», ha ricordato il sindaco De Santi, «posizionati in punti strategici come scuole, palestre e campi sportivi, segnale dell’attenzione che l’amministrazione riserva al progetto di Città cardioprotetta e ci fa piacere che questo nostro sentire vigile e attento a questa realtà, sia condiviso anche da aziende private sensibili al tema». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vittorio Zambaldo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1