CHIUDI
CHIUDI

07.10.2019

Donatori di voce con il «Libro parlato»

Noi tutti conosciamo i donatori di sangue, di midollo osseo o di organi. Ma forse ignoriamo che esistono anche i «donatori di voce». Eppure la lettura registrata, magari dalla voce di un proprio familiare o da quella di qualche anziano ancora in gamba ospite di una casa di riposo, che in questo modo si sente ancora in grado di dare qualcosa agli altri, può tenere tanta compagnia, può portare sollievo ed anche benessere a una persona ammalata o che vive in una casa di riposo. Questo è emerso nel corso della presentazione del Service e della App «Libro parlato Lions» da parte di Andrea Mazzanti, coordinatore del service del Lions, nella sala consiliare del Comune di San Martino Buon Albergo, nell’ ambito del progetto «Letture senza formato», realizzato con il finanziamento del Centro per il libro e la lettura relativo al riconoscimento «Città che legge 2018». SI TRATTA di una audiobliblioteca formata da oltre 10mila titoli di opere di narrativa e saggistica fruibili in formato audio da non vedenti, da ipovedenti, da anziani ospiti in case di riposo o ammalati ricoverati negli ospedali e da persone affette da disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa), fra i quali la dislessia. Proprio a quest’ultima difficoltà il Comune di San Martino Buon Albergo, in collaborazione con l’Associazione italiana dislessia (Aid), questa sera dedicherà un particolare appuntamento nella biblioteca Don Lorenzo Milani proponendo alle 20.30 la conferenza «Sono dislessico eppure posso leggere», relatrice Tiziana Turco, psicologa e formatrice Aid. Alla sua relazione si aggiungeranno le testimonianze di alcuni volontari della stessa associazione. Sarà un incontro per sottolineare l’importanza della lettura nei primi anni di vita, degli strumenti e delle strategie per favorire la lettura nel caso dello specifico disturbo dell’apprendimento. CON IL FINANZIAMENTO ottenuto grazie alla vincita del concorso a cui ha partecipato e grazie alla convenzione sottoscritta con il Lions Club, il Comune di San Martino mette a disposizione per gli ospiti della locale residenza per anziani i testi registrati dei libri che formano la biblioteca del «Libro parlato Lions», a cui è possibile accedere attraverso la relativa applicazione. La convenzione sottoscritta consente anche di inserire in questa grande «biblioteca parlante» eventuali nuovi libri. Nipoti e figli degli anziani, ed anche qualcuno di essi ancora in forma, infatti, possono diventare «donatori di voce» e registrare la lettura di un nuovo libro per il proprio parente o per i propri amici che, in questo modo, potranno sentire accanto a sé una voce cara e familiare. Questa registrazione, poi, resterà a disposizione dell’audiobiblioteca Lions. Chi fosse interessato a sperimentare e vivere questa avventura può rivolgersi al personale della biblioteca comunale Don Milani per avere tutte le informazioni del caso. •

Giuseppe Corrà
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1