CHIUDI
CHIUDI

14.01.2020

Strisce pericolose, arriva la soluzione

L’attraversamento pedonale pericoloso in pieno centro a San Giovanni Lupatoto
L’attraversamento pedonale pericoloso in pieno centro a San Giovanni Lupatoto

Ha i giorni contati il passaggio pedonale killer che si trova davanti all’ex edicola, in piazza Umberto I, luogo di svariati investimenti di pedoni nei mesi sorsi, come negli ultimi anni. L’amministrazione comunale ha infatti incaricato un professionista cittadino di individuare le soluzioni più adeguate per aumentare il grado di sicurezza pubblica dell’attraversamento pedonale. La stima di spesa è di circa 60 mila euro per l’intero intervento, di cui poco meno di cinquemila andranno per il progetto. Alcune anticipazioni sull’opera e sulle sue caratteristiche le fornisce l’assessore alla sicurezza stradale Maurizio Simonato. Dice l’assessore: «Le indicazioni di progetto che abbiamo dato come giunta comunale prevedono la restrizione della carreggiata in direzione Zevio e l’ampliamento dell’isola salva pedoni, oltreché un attraversamento rialzato rispetto al livello stradale, con tipologia a banchettone e asfalto stampato in rosso, per rallentare le auto ed aumentare la visibilità dei passanti. Non appena terminata la progettazione si potrà procedere all’individuazione dell’appaltatore e quindi all’esecuzione dell’opera». L’amministrazione comunale ha deciso di mettere mano all’attraversamento di piazza Umberto I, davanti all’ex edicola, dopo che il Comando della Polizia municipale ha segnalato che in quel punto si erano registrati alcuni incidenti. La giunta se ne è occupata nella seduta del 3 dicembre 2019 ed ha invitato gli uffici ad effettuare i lavori necessari per garantire la sicurezza dell’attraversamento divenuto critico per la mobilità lenta. Per prima cosa sono state individuate, a bilancio, le risorse necessarie alla realizzazione dell’intervento e poi è stato affidato l’incarico di progettazione definitiva esecutiva, rilievo plano-altimetrico, e direzione lavori. L’attraversamento pedonale di piazza Umberto I posto di fronte all’ex edicola è purtroppo oggetto con una preoccupante cadenza dell’investimento di pedoni e ciclisti. Sei mesi fa venne travolto un ciclista che stava attraversando sulle strisce spingendo la bici a mano, l’uomo morì dopo qualche settimana di ricovero ospedaliero a seguito delle lesioni riportate. Pochi giorni dopo quell’incidente, inoltre, si è verificato un ulteriore investimento. Va ricordato poi che in quello stesso punto una dozzina di anni fa venne travolto e ucciso anche l’ex sindaco lupatotino Giuseppe Ghini. La responsabilità è spesso dei conducenti dei veicoli che uscendo dalla rotatoria che si trova all’incrocio fra via Foscolo e la piazza sono indotti a premere sull’acceleratore e si trovano improvvisamente con una persona a piedi davanti. Non va però sottovalutata la corresponsabilità di chi attraversa la strada a piedi o addirittura in sella alla bicicletta. Un fattore di complicazione è stato individuato nella lunghezza dell’attraversamento pedonale che fa registrare una distanza di quasi cinque metri tra il bordo strada e l’isola pedonale che trova in mezzo alla carreggiata. «L’amministrazione comunale, per tutelare gli utenti deboli della strada», sottolinea l’assessore Simonato, «ha varato tutta una serie di azioni di messa in sicurezza e rallentamento della velocità riassunti nel Piano Comunale di Sicurezza Stradale, che prevede la posa di attraversamenti pedonali rialzati, isole salva pedoni, maggiore illuminazione, l’istituzione di zone 30 e interventi particolari mirati. L’attraversamento pedonale in piazza Umberto I vicino all’edicola rientra in questa categoria e ora inizia la fase di realizzazione necessaria a garantire una maggiore sicurezza dei pedoni». «L’opera in corso è l’ulteriore riprova dell’impegno che questa amministrazione continuerà ad assicurare per rendere più sicure le strade di San Giovanni Lupatoto», conclude il sindaco Attilio Gastaldello. •

Renzo Gastaldo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1