CHIUDI
CHIUDI

19.10.2019

Meno edifici, più posti auto: la Giunta dice sì

Via Ricamificio, a San Giovanni Lupatoto
Via Ricamificio, a San Giovanni Lupatoto

La Giunta comunale di San Giovanni Lupatoto ha espresso la sua valutazione favorevole sulle proposte di accordo pubblico-privato delle aree industriali dismesse dell’ex cartiera Saifecs e del Ricamificio. I provvedimenti sono stati illustrati in un incontro dal sindaco Attilio Gastaldello e dal suo vice Fulvio Sartori, che ha delega in materia di urbanistica. Ha detto il sindaco: «Il volume edificabile complessivo scende di circa il 40 per cento, inoltre verrà ricavato nelle due lottizzazioni un grande parco verde della superficie di 40mila metri e saranno costruiti parcheggi per 1.100 veicoli. Rispondiamo così a specifici punti del nostro programma elettorale che prevedevano il “central park” e il reperimento di parcheggi per le zone densamente popolate». «La proposta sulla quale la giunta ha espresso nei giorni scorsi il proprio gradimento è frutto di un confronto unitario con le due proprietà delle aree ex industriali sulla base degli indirizzi espressi alcuni mesi fa dal Consiglio comunale», ha aggiunto il vicesindaco Sartori. «Per l’accordo dell’ex Ricamificio il volume edificabile scende da 37 mila a 31 mila metri cubi che saranno realizzati in tre edifici da cinque piani e due edifici da tre piani, oltre a una serie di casette a schiera da due piani». Nel planivolumetrico mostrato le case a schiera sono nell’area dove il vecchio Piruea del 2006 prevedeva l’edificio polifunzionale denominato Fabbrica delle Idee. Le palazzine sono invece collocate nell’area compresa tra il vecchio tracciato di via Ricamificio (della quale l’ultimo tratto verrà chiuso) e via Tagliamento. In fregio alla stessa via Tagliamento verrà ricavato il verde (a servizio anche delle vicine vie intitolate ai fiumi) e i parcheggi a pettine che continueranno anche sul lato di via Porto. Per quanto riguarda l’ex Saifecs la volumetria scende da 140mila metri cubi a circa 85mila. «La quota residenziale sarà pari a 67.500 metri cubi mentre la quota destinata a commerciale e direzionale sarà di 17.500 metri cubi», ha spiegato Fiorella Federici, funzionario municipale del settore urbanistica. Da quanto è stato comunicato gli edifici commerciali saranno collocati lungo il lato di via Garofoli. Qui, sull’angolo con via Garibaldi, sorgerà un supermercato della superficie di 1.500 metri quadrati con parcheggio sul davanti. All’incrocio fra via Garofoli e via Cartiera verranno costruiti negozi e uffici per circa 4mila metri quadrati. Si è ipotizzata la realizzazione di nove negozi ognuno delle superficie di 250 metri quadrati (uno di questi dovrebbe ospitare la farmacia comunale, che oggi si trova sul lato opposto di via Garofoli). Nella parte interna del grande lotto di circa 90mila metri quadrati della lottizzazione Saifecs verranno collocati gli edifici a destinazione residenziale. Saranno nove palazzine alte ognuna sei piani. Ogni palazzo ha il proprio verde di pertinenza. I parcheggi saranno ricavati al piano sottostante i palazzi. La parte di lotto che confina con via Isonzo ospiterà la grande zona a verde pubblico, dove si troveranno anche una fontana e la zona con gli attrezzi per esercizi ginnici. La giunta ha chiesto alle due proprietà la predisposizione di un piano del traffico per una precisa valutazione degli impatti sulla viabilità. «Per poter ricavare il grande parco pubblico ci siamo orientati a non costruire un mare di casette nelle due lottizzazioni preferendo edifici sviluppati in alto. Abbiamo lavorato a pancia a terra in questi mesi e mi sento di ringraziare in particolare il vicesindaco Sartori e i tecnici comunali». La giunta ha chiesto di «approfondire la valutazione delle convenienze del programma proposto comprendente il valore aggiunto dell'accordo di pianificazione (stima plus valore), per consentire un'adeguata istruttoria, finalizzata a una corretta valutazione della sostenibilità dell' intervento, non solo in termini qualitativi e di riqualificazione dell'area in esame, ma anche sotto il profilo della sostenibilità economica e ambientale della proposta stessa». •

Renzo Gastaldo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1