CHIUDI
CHIUDI

01.12.2019

Giochi e mercati, così rivive il centro

Negozi di piazza Umberto I con addobbi del Natale di qualche anno fa
Negozi di piazza Umberto I con addobbi del Natale di qualche anno fa

L’amministrazione comunale porta a casa 250mila euro dalla Regione per lo sviluppo del commercio. Spiega l’assessore al commercio Fabrizio Zerman: «Lo abbiamo ottenuto grazie a un progetto redatto da uno studio specializzato di Milano che prevede azioni a sostegno delle attività commerciali, in particolare negozi di vicinato». La somma verrà erogata nel 2021, a rendiconto delle spese. L’operazione viene portata avanti in partenariato con le associazioni di categoria. «Il progetto ha visto coinvolti, oltre al sottoscritto, vari uffici comunali coordinati dal segretario generale e dal dirigente tecnico Cavallini», continua Zerman, «va riconosciuto al consigliere comunale Roberto Bianchini di averci segnalato l’opportunità». Vediamo cosa prevede il progetto. Circa 140mila euro andranno a finanziare l’intervento da poco concluso di riqualificazione e messa in sicurezza di via IV Novembre (la strada che porta a Pozzo, la cui sistemazione è costata 350mila euro). Ventimila euro verranno spesi per l’ammodernamento dei giochi del parco ai Cotoni con arredo inclusivo. Raldon avrà due stanziamenti di 16mila e di 1.200 euro. La prima spesa riguarderà la realizzazione delle attrezzature e degli impianti per la futura sede del mercato ambulante settimanale. La seconda finanzierà in parte un concorso di idee per la rivitalizzazione commerciale dell’abitato, privo di negozi. Per l’organizzazione di eventi è previsto un contributo di 50 mila euro, su una spesa programmata nei tre anni di centomila euro. I nuovi eventi (caratterizzati dall’ attrattività) andranno ad aggiungersi a quelli storici lupatotini (dalla festa delle bocche, al bater marso, alla festa degli aquiloni, alla castagnata di san Martino, a Pozzo in festa, al Sangiò art festival, al dicembre lupatotino, alla passeggiata tra le fragole), con l’obiettivo di animazione dell’area e degli itinerari locali. Per marketing e coordinamento è previsto di investire 25mila euro. Il tutto sarà coordinato dal manager di distretto. Tra le attività da allestire, la creazione sul sito web del Comune di una sezione dedicata all’offerta territoriale. È previsto anche un logo di distretto. «Ci è andata bene con l’assegnazione del contributo regionale di 250mila euro», commenta Roberto Bianchini, esponente Confesercenti, «ma ai negozi di vicinato della piazza e delle vie principali, se vogliamo dare una speranza di sopravvivenza, serve anche altro». «Sono indispensabili, ad esempio, i parcheggi in piazza e nel centro storico a disposizione della clientela, che si possono ottenere introducendo la sosta a pagamento», aggiunge Bianchini. «Inoltre si poteva dare un piccolo segnale, come ho avuto modo di spiegare in consiglio comunale, anche sul lato della tassazione. L’Imu dei negozi del centro storico, da anni tutti in sofferenza, si sarebbe potuto ridurla, anche solo di poco». In consiglio il sindaco Attilio Gastaldello ha risposto così: «Con il vicesindaco Fulvio Sartori abbiamo percorso la piazza centrale contando le botteghe vuote, ho fatto diverse inaugurazioni, ci sono segnali importanti, magari sono ottimista. La nostra scelta è di mantenere vivo il centro. Credo che sia questa la scelta migliore rispetto anche a una politica fiscale che potrebbe avvantaggiare i commercianti di 50 o 500 euro l’anno come riduzione di tasse, meglio è investire nell’aumento dei ricavi e degli incassi. Comunque faremo una riflessione». •

Renzo Gastaldo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1