CHIUDI
CHIUDI

24.04.2019

Conferenza sui segreti dell’antica chiesa

Chi vuole conoscere le origini della parrocchia lupatotina non potrà mancare oggi alle 20.30 nella baita degli alpini di via Monte Pastello, dove si terrà un incontro sulla storia della parrocchia di San Giovanni in Nativitate. L’iniziativa è del Comitato Radici e del Gruppo Alpini lupatotino, come spiega il professor Roberto Facci, presidente dell’associazione che raggruppa i ricercatori storici locali. «L’idea è nata un po’ spontaneamente nel corso della serata dello scorso 5 dicembre nel corso della quale, sempre nella sede degli alpini, avevamo presentato, ad un pubblico folto e interessato, un incontro sulla Cartografia storica del territorio lupatotino inerente le mappe di San Giovanni Lupatoto nei vari secoli», racconta Facci, ripercorrendo le motivazioni che hanno condotto all’appuntamento. «In serata cominceremo dedicando una particolare attenzione alle notizie e documenti sulla prima chiesa del paese che era aggregata alla Pieve di Villafranca, ricordando come, in quel periodo, l’agglomerato di case risultasse denominato Ca’ di Fontana». A quei tempi, l’abitato lupatotino era infatti un semplice aggregato di Ca’, vale a dire di singole abitazioni in una zona di campagna e boschiva. «Poi passeremo alla petizione del 1385, con la quale un gruppo di fedeli decide di presentare al vescovo l’istanza dei residenti di Ca’ di Fontana per avere una parrocchia autonoma, istanza che l’alto prelato accoglie». «Vedremo le anche curiose ma fondate e veritiere motivazioni con le quali i richiedenti corredarono la richiesta», continua Facci. Qui compare infatti la supplica fatta al vescovo Pietro II della Scala dai primi lupatotini nel XIV secolo per avere l’autonomia dalla chiesa di Villafranca («Distante milia 10», sottolineava la petizione) nella somministrazione dei sacramenti. Lo storico illustrerà poi la nascita dei vicariati nel 1400, le fasi evolutive della parrocchia di San Giovanni con la nuova chiesa della fine del 1700 e l’ampliamento che risale all’inizio del 1900 (quello che portato alla dimensioni attuali). «Abbiamo sempre piacere, come alpini lupatotini, di dare ospitalità a questi incontri del Comitato Radici dedicati alla storia e alle tradizioni locali che tanto interesse raccolgono tra la cittadinanza», commenta Edio Fraccaroli, capogruppo delle penne nere locali. Alle 20.30 l’incontro sarà aperto da un video con immagini di inizio secolo delle cartoline con vedute del paese e della chiesa parrocchiale a cura di Flavio Sprea. Il dottor Angelo De Rossi, esperto di arte sacra, concluderà la serata con illustrazione di altri video. •

R.G.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1