Mette il piede a terra e sprofonda nel tombino

Il giovane docente di latino della Libera università lupatotina, il professor Tommaso Migliorini, è incorso ieri in un banale ma doloroso incidente. Ha infatti messo il piede su un coperchio di un tombino che è improvvisamente sprofondato facendolo cadere nella botola e procurandogli contusioni e escoriazioni. «Quel tombino in piazzetta Olmo, in fondo alla strada chiusa dopo gli appartamenti della Pia Opera Ciccarelli è una subdola e pericolosa trappola», dice il docente. «Il coperchio metallico leggermente più piccolo dell'apertura del tombino stesso si sposta ad ogni passaggio d'auto senza però cadere: rimane in bilico e funziona da trappola per chi vi metta sopra il piede inavvertitamente, come è capitato a me l’altra sera. Ho rimediato una dolorosa contusione e un’escoriazione sotto al ginocchio destro». «Nn avrei dovuto oltrepassare il cancello verde di fronte all'ingresso degli appartamenti dove abita un anziano conoscente, ma la curva era occupata da altri veicoli parcheggiati e cercavo banalmente un posteggio per la mia bicicletta. Speriamo che chi di competenza provveda quanto prima alla sistemazione del coperchio del pozzetto».

R.G.
# Sposta il focus sul parent