CHIUDI
CHIUDI

05.03.2019

In difesa dell’Orlandi, ma in ordine sparso

Il sindaco di Bussolengo, Roberto Brizzi
Il sindaco di Bussolengo, Roberto Brizzi

Piano socio-sanitario regionale 2012/2016 ancora da attuare: la verifica è avvenuta nell’ultimo Consiglio comunale di Bussolengo che ha approvato la delibera con le richieste del Comitato dei sindaci del Distretto 4 ovest. La delibera è stata integrata con un ulteriore documento dove si chiede per l’ospedale Orlandi un servizio pediatrico e ortopedico (24 ore su 24) collocato presso il pronto soccorso; l’attivazione urgente del day surgery con i servizi previsti dalle schede di marzo 2018; l’ampliamento dell’ospedale di comunità entro la primavera 2019, come promesso dalla direzione sanitaria dell’Ulss 9. Tutto ciò, aggiunge il documento, si dovrebbe integrare, da parte della direzione sanitaria, con un’adeguata e periodica informazione sui servizi disponibili all’ospedale Orlandi. Il Comitato dei sindaci, dal canto suo, in relazione all'attivazione del Piano socio-sanitario regionale 2012/2016, aveva evidenziato tutte le carenze strutturali esistenti negli ospedali del Distretto 4 ovest, già oggetto di riqualificazione con riduzione od eliminazione dei posti letto per acuti. «Come sindaci volevamo segnalare con questa delibera la nostra perplessità per la situazione della sanità veronese della nostra zona. Ogni Consiglio poi avrebbe dovuto votarla all’unanimità», ha esordito il sindaco Roberto Brizzi. «A questa delibera, dopo aver sentito i desiderata dei primari per far funzionare meglio l’ospedale e aver incontrato anche il Comitato uniti per l’Orlandi, abbiamo aggiunto altre richieste in un documento che auspico sia approvato all’unanimità. Abbiamo chiesto di accelerare i tempi per il servizio pediatrico e ortopedico al pronto soccorso e di far funzionare a pieno ritmo il Day surgery, che è fondamentale per l’ospedale, oltre all’ospedale di comunità. Inoltre desidereremmo che ci fosse fornito un cronoprogramma e che venissero pubblicizzati i servizi esistenti. Ad esempio il punto prelievi che esegue dai 90 ai 100 interventi ogni mattina, non è adeguatamente pubblicizzato». Sul documento allegato, tuttavia, si sono registrati pareri non unanimi. Per la maggioranza, favorevole Federico Fontana: «Ritengo doveroso fare tutto quello che è in nostro potere per riportare quanto è possibile all’Orlandi». Lucio Bonadimani di C’è Futuro ha sottolineato, al contrario, che «Bussolengo ha chiesto troppo poco per l’Orlandi». Anche Silvio Salizzoni della Lega ha mostrato perplessità sul documento «redatto senza consultare nessuno e senza concordare un’azione comune». «Condivido alcune richieste, ma andando in ordine sparso continueremo a non ottenere niente», ha concluso. Paola Boscaini, che si è astenuta, si è dichiarata sorpresa nel vedere questa delibera. «Mentre gli altri Comuni hanno chiesto di più», ha spiegato, «per Bussolengo viene chiesto solo il cronoprogramma per l’attivazione delle attuali schede con particolare riferimento all’area riabilitativa e non si dice niente del servizio di Day surgery. Nel documento è esattamente scritto quanto con fatica si era riusciti ad ottenere perché era previsto che ci fossero il pediatra e l’ortopedico al pronto soccorso e soprattutto il reparto di Day surgery». «Mi risulta», ha continuato Boscaini, «che in queste settimane in Regione rivedranno le schede e mi giungono voci che tolgono il centro trasfusionale da Bussolengo e non è vero, perché era stato chiesto che rimanesse, proprio in funzione del Day surgery. Poi spero che non sia vero che si vuole ridurre il numero dei letti: al di sotto di 120 non si può più parlare di ospedale. Se si potesse inserire nella delibera quello che viene chiesto nel documento, sarebbe perfetto». Le ha risposto l’assessore al sociale Silvana Finetto: «Non siamo stati interpellati sulla delibera e abbiamo chiesto che fossero rispettate le schede regionali. Le posso assicurare che abbiamo fatto le nostre richieste e stiamo cercando di integrare». Ha concluso il sindaco Brizzi: «La lettera che propongo in approvazione non è la delibera che non si può emendare: se volete la possiamo modificare. Ci stiamo battendo perché ci diano quello che ci devono. Sarebbe una sconfitta per tutti se nelle nuove schede abbassassero il numero dei letti e togliessero ancora qualcosa. Ribadisco l’obiettivo dell’unanimità per la lettera». Richiesta che però non viene condivisa da Paola Boscaini: «Per la delibera mi astengo perché viene chiesto troppo poco. Sulla lettera sono disponibile». Astenuta anche la Lega di Salizzoni: «Bisogna provare a fare un percorso comune fra le forze politiche di Bussolengo. La delibera è contraddittoria». Al voto, dodici favorevoli e quattro astenuti. •

Lino Cattabianchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il Verona ha scelto Ivan Juric. Cosa ne pensi?
Ivan Juric
ok

Spettacoli

Sport

giro2019 giro2019