CHIUDI
CHIUDI

24.12.2019

La morte di Lina, la più longeva Amava i fiori e il paesaggio di collina

Lina Lordani, 106 anni, la persona più longeva del comune, se ne è andata nella sua casa, attorniata dall’affetto della figlia Silvana di suo marito Flavio, della nipote e del figlio Dario che pure abita in Valpantena. Il funerale sarà celebrato oggi, alle 14.30, nella chiesa di Grezzana. Lina nacque in località Catena, il 28 ottobre 1913, e rappresentava quel piccolo mondo antico, in via di estinzione, che la nonna ricordava così: «Lavoravamo tanto, cercavamo di non lamentarci, non avevamo tempo per farlo». Nella sua esistenza riservata - poca televisione, con ogni giorno il quotidiano L’Arena, abitudini condivise con il marito Mario Ceriani (1913-1999) - ha vissuto per la famiglia e la casa, dove fortunatamente ha potuto vivere fino all’ultimo giorno, grazie al sostegno della famiglia della figlia Silvana. Nonna Lina frequentò le scuole fino alla quarta elementare, però era intelligente e arguta. Della sua giovinezza ricordava: «Lavoravo dai Tomellini,(l’azienda Bragantini che tuttora commercializza frutta e verdura, ndr) e a volte mi mandavano a prendere i “brocoli” con il cavallo ed era molto piacevole. Nel tempo libero andavo ad impastare le tagliatelle dalla famiglia Gozzi». Della seconda Guerra Mondiale le rimasero impresse le due bombe cadute in località Catena: «Nessuno aveva il coraggio di venire a vedere cosa era successo. Arrivò per primo il parroco don Michele Garonzi, con la bicicletta: trovò tanta paura». Sposò nel 1946 Mario, il fabbro del paese. «Andammo ad abitare in una piccola casa in Corte Reale e soltanto nel 1969 ci trasferimmo in viale dell’Industria». Posizione che permise a Lina di godere di un bel panorama collinare e del via vai dei giovani nel campo di calcio. Lina amava i fiori e si vantava di aver vinto il premio per il miglior balcone fiorito nel 1987. •

AL.SC.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie