CHIUDI
CHIUDI

23.03.2019

A grande richiesta tornano I meo dela coà

Questa sera alle 21 al Teatro Valpantena ritornerà la compagnia teatrale I meo dela coà con lo spettacolo Caramba che parenti! per unirsi al Lions Club Verona Re Teodorico e contribuire a donare un cane guida, ausilio per un non vedente. Il «Volontariato per il volontariato» recita il volantino-invito distribuito in tutto il paese: la finalità è davvero importante e utile. A tal riguardo va precisato che questa compagnia, quando si esibisce al Teatro Valpantena, lascia il ricavato, tolte le spese, in beneficenza (adozioni a distanza e famiglie in difficoltà nel comune, attraverso la Caritas e la parrocchia che mette a disposizione il Teatro Valpantena diventato «sala della comunità» a tutti gli effetti. E veniamo allo spettacolo Caramba che parenti! - testo della trentina Loredana Cont, tradotto in dialetto veneto da Tarcisio Anzolin, con la regia di Maria Teresa Salvagno - che I meo dela coà hanno preparato per le serate di chiusura del Carnevale ottenendo un grande successo: il teatro era tutto esaurito per le quattro rappresentazioni e grandi risate e applausi anche a scena aperta. Che cosa entusiasma tanto? Anzitutto la storia (verosimile) di tre fratelli che cercano il testamento dello zio Virginio Mazzalai, deceduto di recente. Nel frattempo si fa vivo un vero nipote che vive in Sudamerica, al quale (senza testamento) dovrebbero andare tutti i beni dello zio. Questi si piazza nella casa dello zio, visto con un po’ di perplessità da tutti, ma poi capiscono che il suo segretario don Pedro (un bravissimo Roberto Bezzornia) sta portando delle novità significative, che tutti colgono per il bene del bar e quindi delle figlie che vivono la loro vita... In secondo luogo gli attori amatoriali e tra questi tre giovani - Serena Pernigo, Elena Meneghini e Tobia Dal Corso - new entry nella compagnia che hanno esordito con bravura e spontaneità. Questo senza togliere niente agli altri protagonisti - Cristina Adami, Tarcisio Anzolin, Roberto Bezzornia, Claudio Bianchi, Daniela Brunelli, Marina Bussola, Eugenio Garista, Katia Gesuita, Maria Antonietta Marcolini, Silvano Marogna e Stefania Olivieri – conosciuti, apprezzati e applauditi da anni. Molto curata anche la scenografia di Rino Merzari e Roberto Lavagnoli e le luci di Simone Signorini. Anche i costumi sgargianti (curati dagli stessi protagonisti) contribuiscono ad animare la scena. Le assistenti alla regia Liliana Adami e Carlotta Formenti, completano la compagnia. Questa nuova replica dello spettacolo, al di là del nobile fine che si propone, è stata anche richiesta da alcuni appassionati del teatro amatoriale che se la sono persa. Una serata da non perdere, da trascorrere davvero in allegria. Il biglietto - costo 8 euro - si può prendere in teatro o telefonando al 348.5240838. •

Alessandra Scolari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1