Espropri per la Tav Trattativa imminente

I lavori per il tracciato ferroviario della Tav a San Martino Buon Albergo
I lavori per il tracciato ferroviario della Tav a San Martino Buon Albergo

Entrano nel vivo, a San Martino Buon Albergo, le prime operazioni per la fase finale, ed esecutiva, del passaggio dell’alta velocità. Insomma, siamo a ridosso dell’apertura dei cantieri. I sondaggi dei terreni e la loro bonifica da eventuali residuati bellici sono già iniziati, come è partita, in contemporanea, la valutazione da parte dell’amministrazione comunale delle opere viabilistiche compensative alla grande opera, ora è anche arrivato il tempo di parlare concretamente degli espropri. Dopo un primo incontro - che si è svolto il 29 settembre scorso - nel quale i tecnici del consorzio di aziende incaricato di realizzare la Tav Verona-Vicenza, Iricav Due, hanno parlato con i proprietari dei terreni e degli stabili interessati dal tracciato, per fornire una prima illustrazione della situazione, martedì 23 febbraio, su iniziativa del Comune, ci saranno due nuovi appuntamenti. Uno riservato ancora ai proprietari di terreni e uno ai titolari di fabbricati. Tema dei confronti saranno i possibili accordi per la cessione dei beni immobili. «In questi anni abbiamo sempre cercato di avere un ruolo di supporto ai cittadini e alle aziende, per fare in modo che si potesse avviare il miglior dialogo possibile tra le opposte esigenze dell’ente espropriante e dei proprietari», afferma Franco De Santi, il sindaco. Il primo cittadino sottolinea inoltre che «le osservazioni al progetto presentate dal Comune sono state in gran parte accolte» e aggiunge che «ora non resta che affiancare i nostri concittadini, perché anche loro traggano, per quanto possibile, beneficio da questo intervento, che è promosso dal Governo». In vista dell’apertura dei cantieri per la Tav, l’amministrazione comunale ha infine ricevuto la disponibilità da parte di Iricav Due a presentare il progetto completo, le procedure della sua attuazione ed i relativi tempi di lavoro in una conferenza che si terrà online e che sarà aperta a tutti: il confronto è in programma per martedì 2 marzo. I dettagli e le modalità di collegamento saranno riportati sul sito internet e sulla pagina Facebook del Comune. •

LU.FI.