CHIUDI
CHIUDI

23.05.2020 Tags: San Giovanni Lupatoto

È in quarantena: è costretto a tenersi i rifiuti in garage

Andrea Bertoldo con i tre contenitori arrivati ieri: li ha attesi per nove giorni FOTO  DIENNE
Andrea Bertoldo con i tre contenitori arrivati ieri: li ha attesi per nove giorni FOTO DIENNE

È durata quasi dieci giorni l’attesa di Andrea Bertoldo, lupatotino residente in via Pergolesi, rientrato pochi giorni fa dal Brasile e sottoposto a quarantena obbligatoria pur in assenza di sintomatologia da Covid 19, per avere un bidone per la raccolta dei rifiuti. «Per nove giorni ho stivato tutte le immondizie in garage in attesa di questo benedetto bidone che ieri è arrivato, anzi ne sono arrivati ben tre», commenta il cittadino lupatotino. Bertoldo racconta la sua storia. «Io e la mia compagna siamo stati tre mesi in Brasile e siamo rientrati in Italia il 12 maggio, con quasi due mesi di ritardo sui tempi programmati. Al rientro ci è stata imposta la quarantena, anche se per fortuna stiamo bene. Quando siamo rientrati in Italia abbiamo avvisato le strutture regionali competenti, facendo ogni cosa secondo le regole imposte dai recenti decreti e disposizioni». La Regione ha informato i due cittadini che nel periodo di osservazione/quarantena era prescritto di fare la raccolta la raccolta dei rifiuti domestici senza differenziazione, inserendo sacchetti resistenti all’interno del contenitore utilizzato per la raccolta indifferenziata (anche i fazzoletti o i rotoli di carta, le mascherine, i guanti, i teli monouso vanno gettati nello stesso contenitore). «Abbiamo avvisato in municipio e ci hanno fornito alcuni numeri di telefono, ai quali ci siamo rivolti: ci hanno assicurato che ci avrebbero portato un bidone apposta per raccogliere in maniera indifferenziata le immondizie ma il raccoglitore speciale a casa nostra per nove giorni non è mai arrivato», spiega Bertoldo. «Mi lamento perché garantisco che è un bel fastidio quello di tenere per quasi due settimane le immondizie in garage», aggiunge. «Volevo inoltre porre in evidenza che quattro giorni fa e anche ieri di prima mattina ho chiamato il numero comunicatomi per sapere notizie del bidone e mi ha risposto una persona molto maleducata», prosegue Bertoldo. «Mi è venuto in mente che semmai qualcuno si fosse dovuto arrabbiare quello sarei io e non altri». Bertoldo se la prende con la ditta incaricata: «Io sono per il pieno rispetto delle regole ma non posso tenere tutte le immondizie in garage. Se questa è efficienza del servizio, siamo messi veramente male». Nicola Fasoli, amministratore unico della SGL Multiservizi, società municipale che sta curando il passaggio del servizio di raccolta dei rifiuti al nuovo gestore (la Esacom), nega il disservizio e dà la sua spiegazione dei fatti. «Per le persone in quarantena, anche solo prudenziale, come in questo caso, è possibile conferire i rifiuti, racchiusi in due o più sacchi, in modo indifferenziato, nel giorno settimanale di raccolta del secco, come indicato sul nostro sito dal 19 marzo», segnala Fasoli. «Oppure si può attivare il servizio di raccolta, svolto da Esacom in collaborazione con Sgl Multiservizi, tramite apposito bidone, che viene svuotato il sabato». «L’utente dice di essere giunto in Italia martedì 12 maggio e, quindi, avrebbe dovuto applicare la prima modalità per la scorsa settimana», continua Fasoli. Nel frattempo, Sgl ha ricevuto la richiesta del bidone apposito venerdì 15, nel primo pomeriggio, tramite Esacom, e quindi ha consegnato i contenitori in tempo utile per la raccolta di sabato 23. Di bidoni ne sono stati consegnati più d’uno, in modo che l’utente possa smaltire anche i rifiuti eventualmente accumulati, con una fornitura di sacchetti, in accordo con l’utente stesso. Tutto regolare quindi». •

Renzo Gastaldo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie