CHIUDI
CHIUDI

23.03.2019

Orlandi, fissata riunione d’urgenza

Un recente sit in di protesta contro la chiusura dell’ospedale di Bussolengo
Un recente sit in di protesta contro la chiusura dell’ospedale di Bussolengo

A tamburo battente, il sindaco Roberto Brizzi si rivolge alle forze del territorio per l’ospedale. «Visti gli ultimi sviluppi relativi all’ospedale Orlandi», spiega il sindaco di Bussolengo, «ho deciso di convocare urgentemente per oggi pomeriggio il Tavolo di lavoro con il comitato Uniti per l’Orlandi, la direzione generale dell’Ulss, i sindacati. Ho già contattato numerosi sindaci del territorio serviti dal nostro ospedale per chiedere loro aiuto e un impegno per mettere in campo tutte le azioni possibili per salvaguardare l’ospedale Orlandi». La riunione è alle 17. Nel nosocomio bussolenghese, secondo il programma stabilito, dovrebbe partire fra non molto l’Ospedale di comunità con 24 posti Conclude il sindaco che rivolge un invito all’ex assessore alla sanità del Veneto, Luca Coletto, ora sottosegretario nel governo Conte: «Non è più una questione solo bussolenghese, ma di tutto il territorio vicino. E, viste le ultime affermazioni fatte dall’assessore Coletto tendenti a rassicurare e declinare come “beghe politiche locali” le nostre richieste, lo invito a partecipare alle prossime assemblee pubbliche che organizzeremo». Dal canto suo, il Comitato uniti per l’Orlandi non risparmia critiche alla Regione. «La giunta regionale Veneta prosegue il percorso di smantellamento dell’ospedale Orlandi, percorso avallato a suo tempo dalla conferenza dei sindaci», si legge in un comunicato del Comitato. «Si propone che l’Orlandi non sia più un ospedale ma un centro riabilitativo con alcuni servizi d’area medica. Rispetto alle schede precedenti, i numeri non cambiano di molto. Peccato che i freddi numeri diano un’idea molto parziale se non si entra nel dettaglio dei servizi. Il day surgery nelle schede precedenti, che non sono state completate, era previsto multidisciplinare: ora sembra che sarà solo ortopedico. Noi siamo molto preoccupati e cerchiamo di fare la nostra parte. Ci auguriamo che gli amministratori , a partire dai sindaci del comprensorio e dai politici d’opposizione, facciano fronte comune e non perdano un secondo per far modificare le schede che riguardano l’Orlandi», conclude Anna Pauciulo, a nome del Comitato nella speranza che anche in questo caso l’unione fa la forza e possa così far ottenere risultati importanti a chi si oppone alla chiusura dell’Orlandi. «Questa novità introdotte dalle nuove schede sanitarie», precisa il sindaco di Pescantina, Luigi Cadura, «rimette in discussione la collaborazione del territorio che non può vedersi privato di un sevizio essenziale per la popolazione come l’ospedale di Bussolengo. Importante è il coordinamento tra i vari comuni per fare fronte difendendo gli interessi dei nostri territori». Una riunione pubblica sul tema, organizzata dal Comune di Bussolengo e di Pescantina, in collaborazione col Comitato uniti per l’Orlandi, è in corso di convocazione per il giorno 2 aprile, alle 20.30, al teatro Guido Bianchi di Pescantina in piazza degli Alpini. •

Lino Cattabianchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1